DATAGATESnowden: chi dice la verità non commette reato

Snowden: chi dice la verità non commette reato

Der Spiegel ospita il manifesto 2.0 scritto dal wistlerbowler (informatore) del caso Datagate della National Security Agency, Edward Snowden. In questo manifesto i concetti sono due: il primo è che chiunque dovrebbero accordarsi che rivelare la verità ai cittadini non è un atto criminale, e il secondo è che gli effetti del caso NSa sono una sottovalutazione della tutela della privacy. Entrambi i punti dovrebbero essere oggetto di una normativa nel diritto internazionale, vincolante per tutte le nazioni.

Perché Snowden ha scelto la Germania? La disponibilità di Snowden a testimoniare in Germania può essere letta come una mossa all’interno della partita che si gioca tra i rapporti di potere tra Usa e Germania. Una partita di potere ma soprattutto economica. 

***

Leggi la storia originale su Der Spiegel

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta