Facebook sempre più giornale: ecco il “Leggilo dopo”

Nuove funzionalità

«Vogliamo offrire a chiunque il miglior giornale su misura del mondo», aveva detto Mark Zuckerberg qualche mese fa. Il team di Facebook, già da tempo, sta lavorando in questa direzione, sviluppando una serie di novità che renderanno il social network non più solo un luogo di interazione tra utente e utente, ma anche tra utente e attualità, attraverso una maggiore diffusione e fruibilità delle notizie pubblicate da quotidiani, televisioni, blog.

Il nuovo feed, lanciato pochi mesi fa, già spingeva in questa direzione: le fotografie di anteprima dei post sono diventate più grandi, dal momento che immagini più ampie hanno dimostrato di avere un maggiore impatto virale sulle condivisioni degli utenti; Facebook ha inoltre introdotto, recentemente, la possibilità di programmare la pubblicazione di un post ad un orario stabilito, una feature in grado di rendere il flusso di pubblicazione dei contenuti continuo anche durante la notte o nei weekend: una funzione utile, soprattutto, per blog e piccole realtà editoriali.

La trasformazione di Facebook in un “giornale sociale”, però, non si è ancora compiuta. Già nello scorso giugno, la svolta sembrava vicina: la presentazione di un nuovo misterioso prodotto fissata da Menlo Park, tuttavia, si rivelò essere il trampolino di lancio di Instagram Video, e non del Facebook Reader su cui diversi giornalisti avevano raccolto più di una indiscrezione. Che il team di Zuckerberg sia al lavoro su un nuovo apparato di aggregazione e selezione delle notizie, comunque, non è in discussione. 

Un nuovo indizio, raccolto dal sito di informazione americano My Tech Skool, infatti, sembra confermare le voci. Qualcuno dei blogger di MTS ha scoperto che Facebook sta testando una nuova funzionalità di “Leggilo dopo”, che permette agli utenti di salvare link a post e articoli in una cartella ad hoc. Una funzionalità tipica dei reader, utile a memorizzare le letture più interessanti quando si dispone di poco tempo, simile a quella ritrovabile su applicazioni come Pocket o Instapaper. Il tasto apparirà all’interno dei post, mentre i link salvati saranno archiviati in una cartella laterale denominata probabilmente “saved”, che sarà presente anche sui supporti mobile.

Nessuna novità sconvolgente, dunque, ma un chiaro indizio della direzione in cui sta procedendo la trasformazione di Facebook. La notizia è stata approfondita poi dallo staff di AllThingsD, che ha contattato un portavoce del social network. «Lavoriamo costantemente su nuove funzioni, ma al momento non possiamo condividere nessuna informazione in più», le sue poche parole. Un dato, comunque, sembra incontrovertibile: la creazione del «miglior giornale su misura del mondo» è sempre più vicina. Editori e giornalisti drizzino le orecchie: di questi tempi, Facebook è una delle pochissime àncore di salvezza per le casse dei nostri giornali.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta