Cosa succede nell’universo di Guerre Stellari

DISNEY COLPISCE ANCORA

Guerre Stellari, ancor prima che una straordinaria saga di lotta tra il bene, è un franchise. Un marchio che guadagna milioni di dollari producendo contenuti e gadget. E in cui, dopo anni di controllo totale da parte del creatore della serie, George Lucas, sta cambiando tutto.

L’inizio della trasformazione ha la data del 31 ottobre 2012, giorno in cui la società che da sempre si è occupata di Guerre Stellari, Lucasarts, è stata acquisita da Disney. E pur non avendo ottenuto così i diritti sui film originali (che rimarranno in mano a 20th Century Fox fino al 2020), Disney ha ottenuto il diritto di farne di nuovi. Manco a dirlo, insieme all’acquisizione è stato annunciato che verrà prodotta una nuova trilogia di film di Guerre Stellari. Il primo di questi, il settimo della saga, uscirà il 18 dicembre 2015, sarà diretto da J.J. Abrams e farà ripartire una delle storie di fantascienza più amate di tutti i tempi.

Per prepararsi al rilancio, Disney ha annunciato delle trasformazioni che segnano un cambio di marcia nella gestione del brand Guerre Stellari. Uno: lo scorso febbraio è stato confermato che oltre alla nuova triologia, verranno prodotti anche due film spin-off. Il primo sarà dedicato a Ian Solo (Han Solo, in originale) e l’altro a un personaggio minore ma molto amato della saga: il cacciatore di taglie Boba Fett. Due: l’11 marzo è stata chiusa ufficialmente la serie tv animata Star Wars: The Clone Wars, in onda dal 2008. E qualche giorno dopo ne è stata annunciata una nuova: Star Wars: Rebels che andrà in onda nell’autunno del 2014. Tre: solo pochi giorni fa, Disney ha spostato l’intera produzione di fumetti di Star Wars dalla casa editrice Dark Horse alla Marvel Comics, acquisita anch’essa da Disney nel 2009.

Perché tutto questo? Per mettere ordine nell’universo di Guerre Stellari.

Guerre Stellari è un franchise che ha ormai quasi quarant’anni. E oltre ai sei film, sono stati prodotti una quantità innumerevole di prodotti collaterali. Pupazzetti, magliette e spade laser di plastica da vendere ai fan, ma soprattutto altre storie: romanzi, serie televisive, cartoni animati e videogiochi, fumetti. Tutti ambientate nello stesso universo della saga cinematografica e tutti che ruotano attorno agli stessi eventi, raccontandone premesse e conseguenze.

Prima d’ora, il canone di Guerre Stellari era gestito con un sistema di gerarchie (la più importante delle quali era categorizzata con la lettera G, a indicare “la parola di George Lucas”) che permetteva a diverse narrazioni, anche parzialmente conflittuali tra di loro, di convivere. D’ora in poi, a quanto pare, non sarà più così.

Ora, secondo Disney, è il momento di decidere quali storie fanno veramente parte dell’universo di Guerre Stellari e quali no. Esistono, ad esempio, una quantità di libri e fumetti che raccontano eventi successivi a Il ritorno dello Jedi, il sesto e (per il momento) ultimo episodio della saga. Probabilmente, con l’arrivo della nuova trilogia cinematografica questi materiali verranno diconosciuti, resi non-canonici, e sostituiti dalle nuove storie raccontate al cinema.

Lucasfilms ha creato un nuovo gruppo, chiamato Lucasfilms Story Group, che si occuperà di esaminare tutte le storie prodotte fino ad oggi e creare una nuova coerenza dell’universo di Guerre Stellari. Leland Chee, uno dei membri dello Story Group, rispondendo a delle domande dei fan su Twitter ha rivelato qualche altra info riguardo alle prossime mosse.

Lo Story Group controlla tutti i pezzi della narrazione di Guerre Stellari, inclusi film, televisione, giochi e pubblicazioni.

Più che in qualsiasi altro momento, il canone ci aiuterà internamente per classificare piuttosto che per definire delle gerarchie.

[Abbandonare le gerarchie e avere un canone coerente] è in assoluto uno dei principali obiettivi di Story Group.

Per chi conosce Guerre Stellari solo attraverso i film, probabilmente poco cambierà. Quello che è certo è che Disney sta lavorando a un rilancio massiccio del brand e che i prossimi prodotti che vedremo con il marchio Guerre Stellari avranno lo scopo di preparare l’arrivo del settimo film nel 2015. E che ritorneranno tutti a raccontare, insieme, una piccola grande storia iniziata tanto tempo fa in una galassia lontana lontana…

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta