Pallonate di frontiera

Pallonate di frontiera

Partiamo da una certezza: il tentativo di esportare il calcio anche nei luoghi più remoti e ostili del globo ha a che fare con il business e le enormi potenzialità economiche che esso porta con sé. Poi poniamoci una domanda: sappiamo tantissime cose riguardo a calciatori che a causa dell’abuso di alcol hanno in qualche modo inficiato la propria carriera o sono stati allontanati dalla squadra, ma quanto sappiamo degli allenatori?

La relazione tra la certezza e la domanda è la stessa che intercorre tra gli USA e l’India. La Indian Super League è soltanto l’ultimissimo tentativo in grande stile di aprire nuovi mercati per il sistema calcio. Manlio Scopigno, detto “il filosofo”, fu licenziato con una lettera dal Cagliari nell’estate del 1967. I motivi del licenziamento non furono mai svelati e lui non volle parlarne. Poco prima però, durante una cena dal Console italiano a Chicago, dal quale il Cagliari era stato invitato, Scopigno fece la pipì su una siepe in giardino, o peggio, dicono altre versioni, in un cassetto della scrivania del console. Si dice che quella figuraccia, causata da qualche whiskey di troppo, gli costò la panchina.

Ma cosa ci faceva il Cagliari ospite a cena del Console italiano a Chicago? Giocava il campionato di calcio americano del 1967. Uno dei motivi per cui questa storia è quasi dimenticata, è che il Cagliari, nonostante fosse il Cagliari, non giocava con il nome di Cagliari, ma con quello di Chicago Mustangs.

Jack Kent Cook, impresario canadese trasferitosi negli Stati Uniti, fu il principale finanziatore dellaUnited Soccer Association (USA), la lega che venne riconosciuta dalla FIFA per l’organizzazione del campionato americano del 1967. Cook era già conosciuto nel business sportivo per essere il proprietario dei Los Angeles Lakers (cui costruì la nuova “casa”) e dei Washington Redskins. Nel 1971 sarà finanziatore dell’incontro tra Muhammad Ali e Joe Frazier al Madison Square Garden di New York. Il fiuto per gli affari ce l’ha: e cosa potrebbe portare più soldi del calcio?

Continua a leggere su Valderrama