Valeria Solesin tra le vittime del teatro Bataclan. Le condoglianze del sindaco di Venezia

«Purtroppo Valeria è morta», la dichiarazione del padre del fidanzato della 28enne veneziana, che era borsista alla Sorbona

Sarebbe morta Valeria Solesin, la ragazza che stava fuori dal Bataclan con il fidanzato quando è iniziato il massacro di Parigi. Non c’è stato ancora un riconoscimento ufficiale, ma le notizie che arrivano da Parigi non lasciano spazio alla speranza.

«Purtroppo Valeria è morta». È stata la dichiarazione all’agenzia Agi, con voce distrutta, di Corrado Ravagnani, il padre di Andrea, il fidanzato trentino della giovane che si trovava con lei al momento dell’attacco venerdì sera nella sala concerti Bataclan, a Parigi.

Valeria, 28 anni di Venezia, era borsista alla Sorbona.

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, in un tweet, ha espresso le condoglianze per la morte della giovane borsista della Sorbona.

Qualche ora fa dal ministero degli Esteri è giunta la notizia della morte di Valeria, ancora non ufficiale. Nella camera ardente di place Mazas, dove si trova la salma attribuita alla giovane, sono andati l’ambasciatore d’Italia a Parigi, Giandomenico Magliano e il console generale Andrea Cavallari.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta