La lezione della globalizzazione: la diversità produce ricchezza

Seguendo la rotta della globalizzazione si lasciano porti sicuri per esplorare e scoprire i nuovi colori dell’innovazione: dall’information technology all’etica, dalla complessità al mondo del lavoro attraverso i nuovi mercati emergenti. Queste sono le forme e le tonalità dell’innovazione

Il mondo è una grande piattaforma, una piattaforma interconnessa in grado di mettere in comunicazione sempre più persone e di offrire opportunità simili a chiunque. Ma è anche una rete dalle maglie molto
larghe, un ambiente competitivo e rapido: chi non si trova al posto giusto nel momento giusto rischia di finire escluso dal progresso di crescita della ricchezza culturale ed economica.

Seguendo la rotta della globalizzazione si lasciano porti sicuri per esplorare e scoprire i nuovi colori dell’innovazione: dall’information technology all’etica, dalla complessità al mondo del lavoro attraverso
i nuovi mercati emergenti. Queste sono le forme e le tonalità dell’innovazione che oggi, più che nel passato, richiede coraggio ed isole nelle quali fermarsi.

Ad esempio le scuole più innovative al mondo si trovano in Svezia, in Silicon Valley, in Danimarca, ma anche in Nigeria e in Cambogia. Sono innovative non solo perché sono tecnologiche, ma soprattutto per i loro metodi di insegnamento e per le relazioni che riescono a costruire col territorio che le ospitano. Sono tredici e ne citeremo due che sono geograficamente agli antipodi.

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta