Traffico? Addio: in Cina progettano il tram che passa sopra le auto

Un mastodonte della strada in grado di trasportare ben 1400 persone e superare tutte le code. Un progetto innovativo? Sì, ma l’idea non è nuova

La lotta per il traffico procede (come è ovvio) senza sosta. In occasione della 19esima esposizione internazionale dell’alta tecnologia di Pechino, sono state proposte idee rivoluzionarie, trovate geniali e aggeggi bizzarri. Non è chiaro in quale categoria fare rientrare questo modello di un bus, sopraelevato, in grado di sorpassare (o meglio: passare sopra) le auto in coda in strada. Funziona così:

Il mezzo corre sui binari, è largo almeno 8 metri e alto cinque, lungo ben 60. Un mastodonte dei tram, un titano del trasporto pubblico. Può portare ben 1.400 passeggeri nel traffico di Pechino. La strada è sua. Per le automobili, invece, non cambierà molto: dovranno stare attente a non finire sui binari del super-tram per non esserne travolte. Per loro sarà come passare sotto una galleria semovente.

Sembra una grande idea, ma non è nuova. Il progetto, dal sapore verniano, risale ben al 1969 e non è per nulla cinese. Lo hanno pensato Lester Walker e Craig Hodgetts, architetti di Los Angeles che puntavano a risolvere il problema delle strade trafficate di New York. Molti anni dopo la loro trovata è stata raccolta da visionari cinesi, che vogliono applicarla a Pechino.

Il traffico in città è uno dei problemi più grandi. Ogni anno in Cina circolano ben 20 milioni di nuove auto, con tanto di inquinamento e incidenti stradali. Il nuovo superbis potrebbe rimpiazzarne altri 40, riducendo l’inquinamento almeno di 2.500 tonnellate. La Cina, più che rossa, diventerebbe verde.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta