Ritratti dal mondoI 5 motivi per cui Stranger Things è diventata un cult

Stranger Things, serie tv americana di fantascienza, è stato il maggiore fenomeno televisivo dell'estate 2016. Pubblicata su Netflix lo scorso luglio, la prima stagione della serie è stata accolta più che positivamente da critica e spettatori

Come luogo un’immaginaria cittadina dell’Indiana, come tempo gli anni ottanta e come oggetto una serie di vicende scatenate dall’indecifrabile sparizione di un bambino e dalla comparsa di una ragazza fornita di poteri telecinetici fuggita da un laboratorio misterioso. Questa la formula per una serie televisiva di successo.

Ideato da Matt e Ross Duffer, il telefilm ha ricevuto commenti positivi riguardo il cast, la caratterizzazione dei personaggi e soprattutto il clima della serie che favorisce un suggestivo throwback agli anni ottanta.

In altre parole, più che uno sceneggiato Stranger Things può essere definito una “macchina del tempo” che ha il potere di avvolgerci con un’affascinante atmosfera propria degli Eighties, dopo averne rielaborato l’immaginario conferendole una maggiore autocoscienza.

Il miglior film dell’estate non è un film, è Stranger Things


Frank Pallotta, Media Reporter della CNN

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020