I 10 comportamenti che distruggono la società

Non rispondere alle mail, invidiare il successo altrui e essere un professionista del rallentamento. Questi sono solo alcuni dei comportamenti che sarebbe meglio evitare, pena la rovina della società

Ecco 10 piccoli comportamenti quotidiani che distruggono il buono della società.

1. Aggiungere una precisazione, una postilla, una integrazione a un concetto sintetico, semplice e perfetto nella sua essenza

Se un concetto semplice funziona, bisogna lasciarlo immutato nella sua semplicità. Chi lo ha prodotto probabilmente ha compiuto un enorme sforzo di sintesi, ponderando ogni opzione, mediando tra varie istanze, scartando il superfluo. I grandi sforzi mentali di sintesi non sempre sono descrivibili minuziosamente, contengono innumerevoli informazioni, difficilmente elencabili. Ogni intromissione successiva non fa altro che degradare il concetto, lo stravolge e gli fa perdere valore, sino a renderlo totalmente insensato e inutilizzabile.

2. Non rispondere alle mail

Non rispondere alle mail è un atto di mancanza di rispetto, di superficialità, di distrazione verso il prossimo. Spesso è atto voluto, sottile manifestazione di sterile potere, soprattutto quando l’interlocutore aspetta una risposta.

3. Essere un professionista del rallentamento

La vita è fatta di entusiasmi, di slanci, di passioni. Questi concetti muovono il mondo. Esistono però i professionisti del rallentamento, i freni a disco del pianeta Terra, pronti a ricordare a ogni entusiasta che dovrà considerare il comma 74 dell’articolo 457, nella interpretazione conforme alla dicitura riportata in calce all’articolo omologo e complementare.

(…) Continua a leggere su centodieci.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta