Hai perso il lavoro? Cinque consigli per ritrovare la fiducia in te stesso

abbia, frustrazione, senso di abbandono. Ci si scaglia contro l’azienda, contro i colleghi, contro le regole del gioco. Ma se prima perdere il lavoro era una cosa rara e per sventurati, oggi è un evento per certi versi fisiologico. Cui bisogna prepararsi anche a livello psicologico

Al contrario di quanto accadeva solo fino a pochi anni fa quando perdere il lavoro era considerata una disgrazia da sventurati, oggi perdere il lavoro rappresenta un evento fisiologico nel percorso lavorativo delle persone, a tutti i livelli.

Cosa si prova quando si perde il lavoro? Rabbia, frustrazione, senso di abbandono. Ci si scaglia contro l’azienda cinica e crudele, contro i colleghi da cui ci sentiamo traditi, contro le regole del gioco che ci hanno condannato.

Ce la prendiamo con il mondo intero, ma più o meno consapevolmente dentro di noi si fa largo una vocina “insolente” che ci dice “è colpa tua, non sei stato all’altezza, hai deluso, sei un perdente”. È quel “bullo interiore”che si nasconde dentro ciascuno di noi e che si fa sentire in occasione di ogni momento difficile della nostra vita.

Quando perdiamo il lavoro sperimentiamo un piccolo lutto personale. Se non impariamo ad elaborarlo per tempo rischiamo di scadere in unaspirale di scetticismo, insicurezza e negatività che può minacciare seriamente il nostro futuro professionale.

Ecco 5 suggerimenti operativi per elaborare il lutto e lasciar rimarginare le ferite.

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta