Lo strano caso dell’Inghilterra, dove l’economia rallenta e tassi salgono

Nel Regno Unito post-Brexit la fiducia delle imprese è piuttosto bassa e la crescita va a rilento. Si ricordano pochissime occasioni in cui la banca centrale di un’economia occidentale abbia deciso di alzare i tassi in un contesto economico in cui sono presenti così tanti segnali di rallentamento

Stefan Rousseau / POOL / AFP

La settimana scorsa la Bank of England ha optato per un aumento dei tassi di interesse, portando l’indice primario dallo 0,25% allo 0,5 per cento. Si tratta del primo rialzo in 10 anni, ovvero da quando l’istituto di Lombard Street decise di tagliare il costo del denaro per far fronte alla crisi economica. Anche se l’aumento dei tassi era in cantiere da tempo, la decisione è stata tutt’altro che facile. Nonostante l’inflazione si attesti al 3%, ben un punto percentuale sopra il livello obiettivo, i segnali che arrivano dall’economia sono tutt’altro che incoraggianti. Sembra anche evidente che non esiste un piano preciso per il futuro e d’altronde non potrebbe essere altrimenti in un contesto economico così confuso con l’incognita Brexit sempre dietro l’angolo.

(…)

Continua a leggere su Moneyfarm

l Governatore Carney ha chiarito che le prossime mosse della Banca d’Inghilterra non potranno fare a meno di tenere in considerazione l’evoluzione della partita Brexit. Si tratta di un’affermazione di buon senso, anche se il compito di un banchiere centrale dovrebbe essere quello di comunicare certezze

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta