La replicaRisponde Burioni: “È giusto ‘blastare’ gli antivaccinisti”

Il virogolo Roberto Burioni replica a Linkiesta: “Ridicolizzare le posizioni senza senso dei novax, il mostrare al mondo intero quanto sono stupidi e quanto sono somari, potrebbe avere una sua utilità”

Il virologo Roberto Burioni risponde all’articolo di Giovanni Diamanti, pubblicato su Linkiesta, dal titolo “Blastare non serve a nulla: prima o poi a Burioni qualcuno glielo doveva dire”.

Carissimo Dottor Diamanti,

ho letto il suo articolo su Linkiesta e la ringrazio di cuore per l’attenzione e per la critica garbata. Lei dice che “blastare” non serve a niente, ma è sicuro che questo sia vero in campo scientifico (non politico)? Io no.

Nelle zone dove gli antivaccinisti sono più attivi, le coperture vaccinali sono particolarmente basse. Perché, se gli antivax sono in fondo molto pochi? La ragione, secondo me, è dovuta al fatto che bastano poche persone per spaventare i genitori: la paura è molto difficile da diffondere e complicata da eliminare, come ci insegna la storia. A mio parere (e anche secondo alcuni studi) il ridicolizzare le posizioni senza senso dei novax, il mostrare al mondo intero quanto sono stupidi e quanto sono somari, potrebbe avere una sua utilità. Questo io ho fondamentalmente fatto: non ho mai risposto male a chi mi chiedeva informazioni o spiegazioni. Ho semplicemente rimesso al suo posto, con parole anche caustiche ma efficaci, e ho ridicolizzato di fronte al mondo chi dopo cinque minuti di Google pretendeva di insegnarmi la virologia che studio da oltre 30 anni.

Cordialmente,

Roberto Burioni

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta