Al cinemaAltro che Marvel e DC: Glass è un esperimento cinematografico riuscito male

Nemmeno l'ottimo cast (James McAvoy, Bruce Willis e Samuel L. Jackson) riesce a salvare la pellicola: il sequel di "Split" e "Unbreakable" è immotivatamente low budget e senza azione. Un film debole, che vale la pena di vedere solo se vi sono piaciuti gli altri due

Una scena di Glass da YouTube

C’è David Dunn, l’uomo praticamente invulnerabile. E c’è Kevin Wendell – o meglio, ce ne sono “un’orda” di Kevin Wendell (di cui alcuni particolarmente pericolosi), a causa di un’incredibile forma di schizofrenia che dà vita a 24 personalità. C’è Casey Cooke, in fuga da una di queste, la bestia, e c’è Elijah Price, “l’uomo di vetro”, da cui il titolo. Si tratta, a detta del produttore Jason Blum, di una sorta di film di supereroi, anche se totalmente diversi dal modo in cui siamo abituati a dipingerli; e infatti Glass – il nuovo film di M. Night Shyamalan contiene un certo numero di riferimenti alla cultura Marvel e Dc, ma si distacca dal genere per trama e stile.

Un esperimento, dunque. Un esperimento che avrebbe potuto riuscire molto meglio – o anche molto peggio, a dirla tutta – ma che ha, se non altro, un non so che di intrigante. Glass porta avanti un discorso stimolante, affrontando il tema del super potere in continuo confronto con la visione che l’uomo ha di se stesso. Sottinteso senza dubbio attuale e meritevole di interesse e riflessione, ma reso in maniera scarna, in un contesto di dialoghi estremamente verbosi e tuttavia privi di contenuti, con un low-budget immotivato che sembra voler giustificare l’assenza quasi totale di azione nel film.

Neanche la presenza di ottimi attori riesce a salvare la pellicola: James McAvoy, Bruce Willis e Samuel L. Jackson danno senz’altro “un tono alla stanza”, risultando credibili e piacevoli in tre personaggi acrobatici, ma niente di più. A rimanere invece penalizzata è Sarah Paulson, bloccata in un carattere che appiattisce e nasconde il suo grande talento.

Continua a leggere su Frammenti

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta