Economia creativaValutare la bontà dei tassi di cambio attraverso un panino: come funziona il caro vecchio “Big Mac Index”

Il più noto hamburger del mondo, composto allo stesso modo in Asia come negli States, è importante anche in economia: in particolare, proprio per la sua ubiquità, ci può parlare della forza e della debolezza delle valute. Ecco come

AcomeA

Che siate a New York, a Rio de Janeiro o a Milano, il Big Mac che vi apprestate ad addentare ai tavoli del McDonald’s è più o meno lo stesso in tutto il mondo. Poche cose possono vantare questa caratteristica. È proprio questa peculiarità che nel 1986 spinse la rivista The Economist a creare un indice, chiamato appunto “Big Mac Index”, valido ancora oggi, per valutare se il tasso di cambio tra diverse monete fosse corretto.

Vuoi sapere come funziona e come si calcola il Big Mac Index? Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta