Italexit“Il traditore” di Bellocchio fuori dalla corsa per il miglior film internazionale

Nella longlist dei dieci titoli prescelti dalla giuria c’è tanta Europa, con Francia e Spagna in prima linea, un po’ di Asia e di Africa. Niente da fare per i film sudamericani

Dalla locandina del film (particolare)

La notizia è Il traditore di Marco Bellocchio non ce l’ha fatta. La pellicola presentata dall’Italia non ha superato il primo esame, che ha ridotto a dieci le 92 nomination per l’Oscar al miglior film straniero. Dopo le polemiche per l’esclusione – assurda – delle candidature della Nigeria e dell’Austria perché presentavano «una percentuale eccessiva di dialoghi in inglese» (tra le lingue ufficiali del Paese africano), la giuria ha scelto. I sette film migliori (più tre ripescati dalla Commissione esecutiva) sono, almeno dal punto di vista geografico, distribuiti in modo abbastanza equo.

C’è l’Africa, rappresentata da Atlantics della senegalese Mati Diop, c’è l’Asia, con il celebrato Parasite, commedia nera del regista sudcoreano Bong Joon Ho, che potrebbe vincere qualcosa anche fuori dalla specifica categoria del film internazionale. E, restando più o meno nell’area, c’è il russo La ragazza d’autunno, che ritorna sui giorni di Leningrado – vero e proprio mito fondativo, o rifondativo, dell’Unione Sovietica.

Ma è l’Europa, nonostante l’Italexit cinematografica, che domina. C’è la Spagna di Pedro Almodovar che convince i giudici con il suo Dolore e gloria, raro caso di film autobiografico. Poi la Francia, che con I miserabili di Ladj Ly racconta gli intrecci delle vite nelle periferie sul canovaccio del vecchio romanzo di Victor Hugo.

C’è spazio anche per la Polonia, con Jan Komasa e il suo Corpus Christi, film dominato dal tema del perdono e della redenzione. Ma anche per la Repubblica Ceca, con The Painted Bird di Vaclav Marhoul, per l’Estonia, con Truth and Justice di Tanel Toom, per l’Ungheria con Those who Remained, di Barnabas Toth e, infine, per la Macedonia del Nord con Honeyland di Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta