Nuove RadiciL’incredibile storia di Joanna Borella, prima “adozione internazionale” in Italia e oggi allenatrice di calcio

Arrivata dall’India nel 1966, è stata la prima straniera ad essere adottata nel nostro Paese, a un anno di età. Imparò a camminare guardando i suoi fratelli giocare a pallone. E oggi ha un’associazione di calcio femminile per bambine e donne

Nuove Radici

Joanna Borella, 53 anni, è una donna che vanta un primato: la sua è stata la prima adozione internazionale in Italia. Oggi è però famosa per tutt’altra ragione: allenatrice CSI, educatrice sportiva e operatrice d’infanzia, è una vera e propria istituzione del calcio femminile nel quartiere milanese di Nolo, dove è conosciuta come Mister Jo. La sua società, Bimbe nel pallone, conta tre squadre: una per bambine delle elementari, una mista per adolescenti, i “Nolers Mix”, e una per donne adulte, “Mamme nel pallone”. Il suo è uno dei dieci progetti scelti dalla Fondazione Candido Cannavò.

Com’è nato l’amore per il calcio?

«Io sono arrivata dall’India il 12 novembre 1967, a un anno e tre mesi. A quell’età normalmente i bambini camminano: io non lo facevo perché, stando nell’orfanotrofio di Belgaum insieme ad altri 150 bambini e una sola suora missionaria, lei non aveva il tempo per poter star fisicamente dietro a ciascuno di noi, sorreggendoci e insegnandoci a camminare. Ma una volta in Italia, vedendo i miei due fratelli che giocavano a calcio, in meno di una settimana ho iniziato a correre dietro a loro e al pallone, e mi sono alzata in piedi. Da allora, raccontava la mia dolce mamma, ho sempre avuto con me il pallone».

Continua a leggere su Nuove Radici

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta