Nuove RadiciBravi, e non riconosciuti. Liudmila Kadatskaja racconta i problemi dei dottori stranieri in Italia

Laurea in Medicina, specializzazione in Pediatria, si è dovuta riscrivere all’università, e ha dovuto rifare la formazione. Dice: «siamo medici laureati, la differenza la fa solo il passaporto»

Liudmila Kadatskaja, 46 anni, di San Pietroburgo, in Italia da vent’anni, medico al Servizio emergenze 118 della Asl di Chieti, coordinatrice per l’Italia dei Medici Russofoni, racconta la fatica di tanti medici stranieri: «Mi sono laureata in medicina con specializzazione in Pediatria nel 1996 in Russia. Nel 2008 mi sono dovuta iscrivere alla Sapienza di Roma e ripetere tutto il sesto anno. Ho dovuto ridare otto esami, scrivere la tesi di laurea e passare l’abilitazione. Ho la laurea italiana, posso lavorare in tutta la Ue, ma non è stata riconosciuta la mia specializzazione. Ci vorrebbe un passo in avanti di Italia e Russia. Siamo medici laureati, la differenza è solo il passaporto».

Continua a leggere su Nuove Radici

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta