PrevidenzaAndare in pensione nel 2020: ecco tutte le vie

È nuovamente aperta la discussione tra governo e sindacati per riformare l’attuale sistema pensionistico, al fine di introdurre maggiori flessibilità in uscita. In attesa delle possibili novità vediamo quali sono le vie attualmente percorribili

Photo by John Moeses Bauan on Unsplash

Il tema pensionistico è da sempre in continua evoluzione e mentre si parla di possibili nuove riforme vediamo quali sono le alternative per andare in pensione nel 2020. Le vie di uscita ordinarie sono ad oggi tre:

  • la pensione di vecchiaia, con il raggiungimento di almeno 67 anni di età anagrafica e 20 anni di contributi
  • la pensione di anticipata, con il raggiungimento di 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne e un anno in più per gli uomini, indipendentemente dall’età anagrafica
  • la pensione anticipata “contributiva”, prevista per coloro i cui anni di lavoro rientrano integralmente nel regime contributivo e abbiano maturato almeno 64 anni di età anagrafica e 20 di contributi, purché la pensione corrisponda ad almeno il 2,8 dell’assegno sociale Inps

Oltre a queste tre vie principali, i lavoratori hanno la possibilità di vagliare anche altre strade, come ad esempio “Quota 100”, “Opzione donna”, “APE sociale” e altre, alle quali, per i possessori di un fondo pensione si aggiunge anche la RITA – rendita integrativa temporanea anticipata grazie alla quale anticipare l’ingresso alla pensione di cinque o in certi casi di ben dieci anni.

Continuiamo a leggere su propensione.it per scoprire tutti i requisiti per andare in pensione nel 2020.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta