MedicalFactsCoronavirus, secondo Burioni «ottima la decisione di chiudere le scuole»

Tra le varie misure prese era necessario considerarne un’altra. Drastica, ma cruciale per bloccare i contagi, scrive il virologo: «È stato appena fatto. Bravi»

Nelle ultime ora, abbiamo perso la posizione di vantaggio che avevamo nei confronti di questo virus. Sapevamo che c’era, che poteva arrivare e che dovevamo fare di tutto per bloccarne l’ingresso nel Paese. Non ci siamo riusciti.

A questo punto, è necessario attivare e rinforzare la fase due: contenerne la diffusione. In questa direzione, giustamente, vanno le misure “cinesi” di bloccare le zone epicentro dei vari focolai degli ultimi giorni. In questa direzione va la decisone di annullare tutte le manifestazioni sportive, a partire dalle partite del campionato di Serie A che si sarebbero dovute giocare oggi in Lombardia e in Veneto. In questa direzione va la decisone di interrompere per una settimana le lezioni universitarie.


Giusto così. C’è un altro passo che doveva essere compiuto. Drastico, ma che ci impedirà di ripetere gli errori già commessi nella prima fase. Era necessario chiudere le scuole, non solo quelle delle aree più colpite. È appena arrivata la notizia che questo sarà fatto a Milano e, probabilmente, il resto della Lombardia e il Veneto andranno nella stessa direzione. Non tanto e non solo per la sicurezza dei nostri bimbi che, dagli studi che ci arrivano dalla Cina, sembrano non andare incontro alle forme più gravi dell’infezione. Lo si doveva fare soprattutto nell’ottica del contenimento della trasmissione del virus.

Quante volte intere famiglie sono state messe a letto, nel giro di poche ore, dalla gastroenterite portata a casa dal bimbo che frequenta l’asilo. Ecco: può succedere anche per questo virus ben più pericoloso. Sappiamo quanto sia difficile far rispettare ai bimbi anche le più elementari regole igieniche. È sicuramente più difficile con loro che non con gli studenti universitari.

Continua su https://www.medicalfacts.it/2020/02/23/coronavirus-chiudere-scuole/

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020