Isteria pandemicaCoronavirus: sfilate annullate, partite rinviate, scuole chiuse

Oltre cento casi in Italia, cinquantamila in quarantena, undici comuni isolati. Giorgio Armani ferma la Fashion Week, l'Inter non gioca, bambini a casa

Il Coronavirus ferma anche la Fashion Week: Giorgio Armani e Laura Biagiotti hanno deciso di annullare le sfilate. Dati i recenti sviluppi in Italia, «per non esporre ad alcun rischio la salute dei propri ospiti»​​​, recita la nota diramata dall’ufficio stampa di Armani, «la sfilata verrà registrata a teatro vuoto, senza stampa e buyer, e verrà trasmessa in streaming sul sito» della casa di moda. Lo stesso farà anche Laura Biagiotti.

Nel frattempo le misure del fenomeno in Italia si stanno aggravando. I casi sono arrivati a 132, di cui 89 nella sola Lombardia, 25 in Veneto (due a Venezia, dove si tiene il tradizionale Carnevale), nove in Emilia Romagna e sei in Piemonte. È stata imposta la quaratenta su 11 comuni in provincia di Lodi, bloccando 50mila persone. Chiuse le scuole in Lombardia (dove sono sospese anche le messe), Veneto, Trentino Alto Adige, Piemonte e Friuli Venezia- Giulia. Serrate anche le università. Gli eventi sportivi minori sono stati rinviati, mentre oltre al Carnevale di Venezia saltano anche le partite di calcio di Serie A di Atalanta, Verona e Inter.
Dopo il Molise, anche Ischia ha deciso di impedire l’ingresso, oltre ai cittadini cinesi provenienti dalle aree dell’epidemia, anche ai turisti provenienti da Lombardia e Veneto.
Anche a livello europeo sono arrivate le reazioni. L’Austria ha deciso di bloccare i treni da e per il nostro Paese, mentre Marine Le Pen, dalla Francia, invoca controlli alle frontiere.

LOMBARDIA
il presidente di Regione Attilio Fontana, d’accordo con il ministro della Sanità Roberto Speranza, è pronto a firmare un’ordinanza che prevede «la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico». Un provvedimento che si accompagna alla «sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per gli anziani», insieme alla «sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura».

A Milano chiusa la pinacoteca di Brera e il teatro alla Scala.
Sarebbero quattro i casi di coronavirus nella bergamasca, due ad Alzano Lombardo, uno a Seriate e uno a Bergamo.

A Crema è morta una donna. «Abbiamo un altro decesso in Lombardia, a Crema, una donna che era ricoverata in oncologia con una situazione molto compromessa e aveva anche il coronavirus». spiega l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera.

VENETO
Lo ha deciso il presidente Luca Zaia, assieme al ministro della Salute Roberto Speranza: il Carnevale di Venezia sarà sospeso. Bloccati anche tutti gli eventi pubblici e privati, scuole e uffici, fino al primo marzo. Il comune di Vo’ Euganeo, in provincia di Padova, sarà del tutto isolato.

Roma: si lavora alla sospensione dei concorsi nazionali
In Campidoglio si starebbe lavorando a un provvedimento che miri a sospendere i concorsi nazionali in programma a Roma nei prossimi giorni.