Un aiuto concretoLavazza ha donato 10 milioni di euro per affrontare l’emergenza coronavirus

Il gruppo torinese finanzierà progetti di sostegno a sanità, scuola e fasce deboli del Piemonte

ARI PERILSTEIN / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

Una generosa donazione per combattere l’emergenza coronavirus. L’azienda Lavazza ha donato 10 milioni di euro per finanziare progetti di sostegno a sanità, scuola e fasce deboli del Piemonte. Tre milioni andranno alla Fondazione La Stampa-Specchio che si è impegnata a comprare nuove apparecchiature per le terapie intensive e i pronto soccorso e per velocizzare i test che si terranno nell’ospedale Amedeo di Savoia di Torino. Ma il finanziamento servirà per comprare kit igienizzanti gratuiti in tutte le scuole di Torino che ne faranno richiesta e per supportare un servizio per portare beni di prima necessità agli anziani del capoluogo piemontese.

Altri sei milioni della cospicua donazione saranno devoluti alla raccolta fondi #Iocisono della Regione Piemonte per acquistare il materiale per il personale sanitario che sta affrontando l’emergenza coronavirus in prima linea. Lavazza ha pensato anche alle fasce più deboli e disagiate della regione Piemonte e ha donato un milione di euro a enti e associazioni che operano sul territorio. Il gruppo Lavazza: «desidera dare un segnale positivo e di impegno concreto, nella convinzione che con il contributo congiunto e immediato di tutti si possa uscire dall’emergenza e consentire all’Italia di ripartire», spiega in una nota.

 https://twitter.com/lavazzagroup/status/1239483062318247937?ref_src=twsrc%5Etfw 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta