Diffondere culturaGli scrittori italiani si offrono di leggere romanzi e poesie in streaming agli studenti costretti a stare a casa

L’associazione “Piccoli maestri” dal 2011 cerca di invogliare i ragazzi alla lettura andando nelle aule di elementari. medie e licei. Ora, per “sfangare” la quarantena, offrono di fare lo stesso mettendosi a disposizione di insegnanti e scuole

Maria Giulia Colace

Raccontare romanzi e poesie in streaming ai lettori di tutta Italia per affrontare la quarantena. E “sfangarla”. Questa è la sfida di “Piccoli Maestri“, l’associazione di scrittori e scrittrici che dal 2011 organizza incontri nelle scuole di tutta Italia per diffondere cultura e invogliare ragazzi e ragazze alla lettura. Dalle elementari ai licei. Nell’emergenza hanno deciso di sfuttare al meglio la tecnologia, cercando altre strade per far arrivare i grandi capolavori. «Chiediamo per questo un po’ di tempo agli altri scrittori e scrittrici, anche quelli che finora non hanno partecipato al progetto. Tutti quelli che vorranno e potranno. Ci mettiamo a disposizione degli insegnanti, offriamo quello che facevamo prima – raccontare i libri – ma in streaming, da tutta Italia e verso tutta Italia. In questo caso sarà meglio concentrarsi sui testi che servono al programma scolastico. Romanzi, poesia, saggi. La scuola è in affanno, gli insegnanti devono inventare un modo nuovo per insegnare, e forse per tenere attivi i ragazzi e le ragazze. Se avranno voglia e bisogno potremo immaginare con loro degli incontri virtuali, anche sul nostro lavoro e sui nostri libri. Qualunque cosa serva a traghettarci dall’altra parte di questo tempo infame».

 https://twitter.com/piccolimaestri/status/1240266820050960384?ref_src=twsrc%5Etfw 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter