ITALIA CHIUSAIl bollettino della Protezione Civile: 23.073 positivi, 2.749 guariti, 349 decessi oggi. Borrelli: «Il trend è in ribasso»

Tutti i fatti, i numeri e le dichiarazioni

MIGUEL MEDINA / AFP

Angela Merkel ha annunciato che la Germania adotterà misure più drastiche per contenere l’epidemia di Covid-19, in particolare la chiusura di chiese, bar, ristoranti, luoghi culturali e di aggregazione in genere.

Il premier canadese Justin Trudeau ha annunciato la chiusura dei confini del Paese agli stranieri. Solamente 4 aeroporti saranno aperti ai voli internazionali. La misura non si applica alle merci, ma solamente alle persone.

 https://twitter.com/JustinTrudeau/status/1239607403483664385?ref_src=twsrc%5Etfw 

Il capo della Protezione Civile Borrelli, affiancato dal presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Franco Locatelli, annuncia che nelle ultime 24 ore sono guarite 414 persone, un dato più elevato di ieri, portando a un totale di 2749 guariti. I nuovi positivi sono 2470, al ribasso ma senza i dati di Puglia e provincia autonoma di Trento. Il trend a livello nazionale comunque è in ribasso. Il totale degli attualmente positivi è 23.073, di cui 10197 sono in isolamento domiciliare e 1851 in terapia intensiva, ovvero il 10% dei contagiati positivi. I deceduti oggi sono 349.

Lo annuncia Ursula von der Leyen alla fine della videoconferenza con i leader del G7. «Con i governi europei abbiamo deciso una restrizione temporanea dei viaggi non essenziali nell’Unione. Lo facciamo per non far ulteriormente diffondere il virus dentro e fuori il continente e per non avere potenziali ulteriori pazienti che pesano sul sistema sanitario Ue», ha detto la presidente della Commissione. Uniche eccezioni per gli europei di rientro nell’Unione e per medici e scienziati che portano avanti la ricerca contro il coronavirus.

«Si può iniziare a dire che forse non c’è più quella progressione violenta che c’era nei giorni scorsi, è ancora in progressione ma non più esponenziale il che moderatamente ci fa piacere». Così ha dichiarato oggi il governatore della Lombardia Attilio Fontana in relazione all’epidemia di coronavirus. Il presidente ha anche aggiunto: «è chiaro che più misure restrittive ci sono, prima si arriva alla conclusione» e «se si chiude con ancora maggiore vigore, ci sono più possibilità che si rallentino i tempi di circolazione del virus».

Le infezioni nel Paese hanno raggiunto un totale di 1.413, secondo l’Istituto nazionale per la Sanità (RIVM). I decessi sono aumentati da 4 a 24 tra domenica e lunedì.

 https://twitter.com/RegioneER/status/1239472244977545216?ref_src=twsrc%5Etfw 

La Fincantieri ha sospeso le attività produttive di 8.900 unità anticipando le ferie collettive dei dipendenti rispetto alla prevista chiusura estiva. Otto i cantieri chiusi: Monfalcone, Marghera, Ancona, Sestri Ponente, Riva Trigoso, Muggiano, Castellammare di Stabia. Mentre a Palermo. Lavorerà solo il personale addetto alla manutenzione e alla sicurezza industriale. La Fim-Cisl e la Fiom-Cgil hanno criticato la scelta di mettere in ferie i dipendenti invece di ricorrere agli armotizzatori sociali.

Il 16 marzo la protezione civile ha comunicato che in italia risultano 20.603 le persone positive al coronavirus, 3.497 in più rispetto al 13 marzo. I casi totali, che sommano i positivi attuali, i guariti e i deceduti sono 24.747 persone hanno contratto il virus Covid-19. I decedute sono 1.809 (+368 rispetto al giorno precedente, la crescita percentuale è +25%, ieri era stata +19,8%), i guariti 2.355 (+369). I pazienti in terapia intensiva sono 1.672 (+154).

Slittato questa mattina alle 9 il consiglio dei ministri per approvare il decreto che contiene le misure economiche per affrontare le conseguenze del coronavirus.

Ieri Papa Francesco ha compiuto un pellegrinaggio tra due chiese di Roma: la basilica di Santa Maria Maggiore e San Marcello del Corso, dove si trova il crocifisso che nel 1522 veniva portato in processione per la città perché finisse la Grande Peste nella Capitale.

Il live del 15 marzo

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta