Ai lettoriIl New York Times e il Wall Street Journal non sono contagiosi

La prima persona che tocca la copia del quotidiano di New York è anche quella che lo consegna, e indossa dei guanti. Il giornale finanziario invece assicura di prendere tutte le precauzioni necessarie a evitare contatti non protetti con la carta

Il New York Times e il Wall Street Jounal hanno pubblicato un breve messaggio ai lettori per rassicurarli, ora che l’epidemia di coronavirus è arrivata negli Stati Uniti. Il quotidiano newyorkese ha trovato il modo per rendere «molto probabile» che la prima persona in contatto con la copia cartacea sia anche l’ultima, mentre il quoditiano finanziario assicura che tutte le misure d’igiene necessarie sono state prese per ridurre al minimo il personale che maneggia la copia cartacea, e che l’ambiente in cui viene prodotta sia pulito.

Il rapporto con chi compra e legge i quotidiani cartacei si basa naturalmente sulla fiducia nell’accuratezza e nella selezione delle notizie: da quando è arrivato il virus si baserà anche sulla capacità dei giornali di assicurare una corretta e igienica distribuzione delle copie.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta