Cucina con GastronomikaCrostata di mele

La ricetta del dolce più classico, nella sua versione canonica. Per un fine settimana lungo, all'insegna della più tradizionale delle torte della nonna

crostata di mele
crostata di mele

Ingredienti e dosi per 1 crostata di 24-26 cm

Per la pasta frolla classica

500 g di farina 00, 300 g di burro morbido, 240 g di zucchero semolato, 10 g di miele, 100 g di farina di mandorle, 90 g di uova, i semi di ½ baccello di vaniglia, ½ cucchiaino di sale Maldon 

Per il ripieno

4 mele Granny Smith grandi, 40 g di zucchero semolato, 40 g di burro, 30 g di pinoli sgusciati, 50 g di uvetta sultanina, cannella in polvere, a piacere, 2 biscotti secchi tipo digestive, zucchero a velo, per spolverare

Procedimento

Preparate la frolla mescolando gli ingredienti e formando un panetto, da far riposare in frigorifero per almeno 12 ore.

Per il Ripieno. Sbucciate le mele e tagliatele a tocchetti. Sciogliete una noce di burro in una padella, aggiungete lo zucchero e la cannella in polvere; caramellate le mele, spadellando, e unite i pinoli e l’uvetta. Cuocete finché il liquido rilasciato dalle mele è stato assorbito (la frutta deve comunque rimanere soda).

Preparazione del dolce. Stendete la frolla e rivestitene uno stampo da crostata. Sbriciolate sul fondo della crostata i due biscotti secchi, riempite con il composto di mele, uvetta e pinoli e cuocete in forno a 170°C. Lasciate raffreddare e spolverate di zucchero a velo.

La ricetta è tratta dal libro Dolci di casa mia di Guido Tommasi Editore. Puoi comprarlo qui.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta