Più soldi per tutti 
La vittoria all’enalotto e la grottesca fine della legge che aveva «abolito la povertà»

Il governo ha scelto la strada della distribuzione dei soldi a pioggia per tamponare l’emergenza, concedendo solo bonus senza varare nessuna riforma strutturale. Di buono c’è che ha sospeso il decreto dignità di Di Maio

Bollette con lo sconto, bonus vacanze, redditi a sbafo, così come biciclette, monopattini e pedalò, e poi tasse sospese, borsellini virtuali, accrediti automatici, babysitter e badanti di cittadinanza, redditi di emergenza, 500 euro di qua e 1000 euro di là, oltre alla solita vagonata di miliardi all’Alitalia, insomma sembra che gli italiani abbiano vinto all’enalotto invece che essere stati colpiti dalla più grave crisi della storia repubblicana. 

Il governo ha scelto la strada della distribuzione dei soldi a pioggia per tamponare l’emergenza da Covid-19, una pioggia intermittente come la connessione al sito Inps, e non è detto che sia una scelta sbagliata viste le difficoltà in cui si trovano molte famiglie italiane, ma viene il dubbio che tra un paio di mesi questo favoloso e ulteriore indebitamento dei conti pubblici, che prima o poi dovremo ripagare, possa esaurire il suo effetto psicotropo senza che però sia stata fatta nessuna riforma strutturale, senza che sia stata adottata nessuna misura duratura, senza che sia stata preparata nessuna strategia innovativa per la ripresa economica. 

Insomma, il rischio è che sia solo una continuazione della politica della pensione anticipata, del reddito di cittadinanza, della mancia universale che tanto successo ha riscosso negli ultimi anni nonostante sia notoriamente una baggianata epocale come dimostra perfettamente un surreale aspetto del “decreto rilancio” passato in secondo piano: come è noto, con il decreto dignità, Conte e Di Maio avevano «abolito la povertà», ma il governo Conte, con Di Maio in prima fila, al fine di alleviare le particolari sofferenze causate dal virus alla popolazione più povera, una fascia sociale evidentemente ancora presente nonostante gli strabilianti effetti del decreto dignità, ieri ha deciso di sospendere il decreto dignità.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta