Dichiarazione SchumanPiùEuropa chiede di rendere il 9 maggio una festa nazionale

La proposta è stata lanciata da Emma Bonino e Benedetto Della Vedova in una conferenza stampa online. Il partito ha proposto anche cinque petizioni, tra cui lo stop alla concorrenza sleale tra i paesi europei, e Carbon e Digital tax come entrate del bilancio comunitario

Un disegno di legge per far diventare Festa nazionale la Giornata dell’Europa, anniversario della “Dichiarazione Schuman”, il discorso del ministro degli esteri francese che il 9 maggio del 1950 segnò l’avvio del processo comunitario, e cinque petizioni federaliste per proseguire nel processo di integrazione politica e economica europea.

Sono le proposte lanciate oggi da Emma Bonino e Benedetto Della Vedova nel corso di una conferenza stampa on line sui canali social di PiùEuropa. «Chiediamo – hanno spiegato Bonino e Della Vedova – che in Italia il 9 maggio sia proclamato Giornata dell’Europa, una festa nazionale (ma non una festività civile) per promuovere i valori europei di diritto, libertà e democrazia politica, la conoscenza della storia dell’integrazione europea, la consapevolezza del funzionamento e delle competenze delle istituzioni dell’Unione europea e delle loro relazioni con quelle nazionali».

Nel corso della conferenza stampa sono state lanciate anche cinque petizioni per un’Europa più unita: stop alla concorrenza sleale tra i paesi europei, Carbon e Digital tax come entrate del bilancio europeo, un esercito comune sotto la guida delle istituzioni Ue, poteri effettivi alla Commissione per la gestione delle emergenze sanitarie e sanzioni per gli stati membri che violano i principi dello stato di diritto e della democrazia.

Qui per firmare l’appello: https://team.piueuropa.eu/propostalegge