Scoop dalla SpagnaIl quotidiano Abc sostiene che il governo venezuelano ha finanziato con 3 milioni e mezzo di euro i Cinquestelle

Secondo il giornale conservatore, nel luglio 2010 il regime guidato da Chavez, con Maduro allora ministro degli Esteri, avrebbe mandato una valigetta con i contanti al consolato di Milano, da consegnare a Gianroberto Casaleggio e al suo partito anti sistema

Clamorosa rivelazione del quotidiano spagnolo ABC che in prima pagina questa mattina 15 giugno titola «Il chavismo ha finanziato il movimento Cinquestelle».

Il prestigioso quotidiano conservatore spagnolo pubblica un documento dei servizi venezuelani secondo cui nel 2010 il governo venezuelano di Hugo Chavez, con Nicolas Maduro allora Ministro degli Esteri, avrebbe finanziato con 3 milioni e mezzo di euro Gianroberto Casaleggio e il movimento Cinquestelle.

Il documento pubblicato dal giornale spagnolo sostiene che il governo di Caracas nel luglio 2010 avrebbe inviato al consolato venezuelano di Milano una valigetta con tre milioni e mezzo in contanti per Casaleggio senior, definito «fondatore di un movimento rivoluzionario anticapitalista e di sinistra nella Repubblica italiana».

Il movimento Cinquestelle, da sempre con posizioni vicine al regime di Maduro, è nato nel 2009 e si è presentato per la prima volta alle elezioni amministrative di quello stesso anno.

Linkiesta non ha modo di confermare o di smentire la rivelazione del quotidiano spagnolo e si limita a riportare quanto si legge nella prima pagina di ABC, dove è anche pubblicato lo stralcio di un documento top secret dell’intelligence venezuelana.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta