Cucina con GastronomikaSpaghetti, burro, Parmigiano Reggiano 24 mesi, limone e paprika

Una ricetta semplice, di grande impatto gustativo, quella di Ronald Bukri, che è già diventato un piatto iconico del ristorante Osticcio. Pochi ingredienti di grande qualità, mescolati con sapienza e con un tocco speziato che fa subito la differenza

Ronald Bukri

Ogni giorno vi raccontiamo una nuova ricetta da provare, costruendo insieme le nostre cene e cercando di imparare di giorno in giorno una tecnica, un tipo di cottura, un taglio sempre nuovi. Non diventeremo chef, ma sicuramente avremo nel nostro quaderno qualche nuovo grande classico di famiglia, da condividere nei prossimi mesi nelle cene con gli amici. Prima di cominciare, un unico imperativo: lavatevi bene le mani.

Ingredienti per quattro persone

300 g di spaghetti, 130 g di Parmigiano Reggiano 24 mesi, 100 g Burro di alpeggio, 10 g succo di limone, 30 g di Paprika affumicata dolce, n 8 punte di finocchietto selvatico

Procedimento

Cuocere  gli spaghetti in abbondante acqua salata.

In una bowl sciogliere il burro senza scaldarlo troppo, aggiungere il succo di limone e poi il parmigiano, scolare la pasta a mantecare nella bowl senza scaldare per non fare separare il burro.

Sul fondo del piatto grattugiare un po’ di Parmigiano Reggiano e un po’ di scorza di limone, disporre gli spaghetti nei piatti e spolverare con la paprika affumicata dolce.

Finire con le punte di finocchietto selvatico.

La ricetta è dello chef Ronald Bukri del ristorante Osticcio di Montalcino

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta