Cucina con GastronomikaBlinis agli asparagi

Combattere gli sprechi e a risparmiare sulla spesa, dando vita comunque a deliziosi piatti che siano anche a basso impatto ambientale si può! Basta seguire i giusti consigli

Vanessa Lorenzetti

Ogni giorno vi raccontiamo una nuova ricetta da provare, costruendo insieme le nostre cene e cercando di imparare di giorno in giorno una tecnica, un tipo di cottura, un taglio sempre nuovi. Non diventeremo chef, ma sicuramente avremo nel nostro quaderno qualche nuovo grande classico di famiglia, da condividere nei prossimi mesi nelle cene con gli amici. Prima di cominciare, un unico imperativo: lavatevi bene le mani.

Ingredienti

300 g di gambi di asparagi, 1 uovo, 80 g di farina di tipo 1, 1 cucchiaino di lievito cremor tartaro, olio evo e sale

Procedimento

Lavate bene i gambi, cuoceteli a vapore e frullateli fino a ottenere una crema. Mettete il tuorlo in una ciotola e tenete da parte l’albume.
Unite la crema di gambi al tuorlo e mescolate.
Aggiungete mescolando la farina e il lievito; coprite e fate riposare 15 minuti. A parte montate l’albume a neve con un pizzico di sale, incorporatelo poi delicatamente al composto.
Scaldate un padellino antiaderente per crepe, leggermente unta, quando sarà ben calda versatevi un mestolino di impasto.
Quando un lato sarà dorato, girate il blinis e fatelo dorare anche dall’altra parte.
A me piace servirli frullando del salmone selvaggio affumicato ad un cucchiaio di yogurt vegetale e dell’erba cipollina, creando una sorta di mousse, ma potete servirli in mille modi.

Vino in abbinamento:

Tinazzi – Ca’de’Rocchi Custoza Dop 2019

Il Custoza, con uve Garganena, Trebbiano e Cortese, è un vino dal profumo e sapore intenso, fruttato, gradevolmente aromatico, con una buona mineralità. Le uve fresche vengono raccolte a mano, segue la pigiatura soffice, la fermentazione a temperatura controllata, e l’affinamento in acciaio. La sua nota lievemente aromatica si sposa perfettamente con l’umami degli asparagi.

La ricetta è dello chef Vanessa Lorenzetti, La SanaMente