Gli adultiGentiloni e Gualtieri spiegano a Conte che se non attiva il Mes saranno guai

Il premier si pavoneggia, ma i soldi europei cominceranno ad arrivare nella seconda metà del 2021, al contrario dei 37 miliardi cui potrebbe accedere immediatamente per mettere a posto la sanità. Se li rifiuta gioca di nuovo nella squadra di Salvini

Pixabay

Sarebbe stato bene se Giuseppe Conte, invece di pavoneggiarsi come Napoleone dopo Austerlitz, avesse spiegato al Paese quello che ieri è toccato spiegare a Paolo Gentiloni, cioè che l’autunno (ma anche l’inverno e la primavera prossima) dovremo affrontarli con altri mezzi, diversi dai famosi 209 miliardi del Ricovery fund che arriveranno solo «nella seconda metà del 2021».

E nel frattempo che si fa? Gentiloni sa che non decide Bruxelles, ma ha indicato chiaramente che i 37 miliardi del Mes bisogna prenderli. Se non è una sfida al premier poco ci manca: è un alert che non lascia scampo. E che va ad aggiungersi al pressing di un solitamente cauto Zingaretti e ai richiami del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, il quale deve fare i conti con i conti dello Stato – scusate il bisticcio.

Era infatti trapelato un certo nervosismo in via XX Settembre. Gualtieri adesso vorrebbe soldi freschi per iniziare a realizzare qualcosa di più concreto del Festival di Villa Pamphilj o delle passerelle in Parlamento e per questo, in oggettiva sintonia con Paolo Gentiloni, chiede di utilizzare il Mes.

Ieri lo stesso Gualtieri ha però tenuto a precisare che «l’andamento delle disponibilità di cassa e la previsione dei saldi futuri sono del tutto in linea con le aspettative contenute nei documenti di finanza pubblica e oggetto di continuo monitoraggio». Un modo per tranquillizzare i mercati e probabilmente lo stesso Conte.

Ma è evidente che la questione posta da Gentiloni non è eludibile. Come si fa, ancora, a tergiversare sui 37 miliardi del Mes che metterebbero a posto il sistema sanitario italiano? Come può, Conte, mantenere quella che con un eufemismo chiameremmo un’ambiguità enorme solo per non sbugiardare i grillini?

Ecco perché la triangolazione Gentiloni-Gualtieri-Zingaretti potrebbe produrre una pressione che il presidente del Consiglio alla lunga potrebbe non reggere, tanto più quando gli italiani si renderanno conto che i fondi non arriveranno tanto presto: e bisogna che il governo stia attento, perché la grancassa dell’estrema destra di Salvini è pronta a battere al ritmo forsennato di una propaganda da “Papeete 2 – La vendetta”, strombazzando che i soldi non ci sono, benzina sul fuoco del malessere sociale.

Le chiacchiere su improbabili bicamerali vanno spegnendosi lasciando spalancato il problema del post-Bruxelles: affrontare con mezzi adeguati la fase che seguirà l’estate più strana della storia italiana, l’ennesima prova per un Conte che già si immagina in vacanza e che invece è ancora una volta messo alla prova dalla realtà.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta