Tutte le bevande del presidenteThe West Wing torna, dal vivo: noi la riguardiamo assaporando un egg cream

La serie americana che ha fatto impazzire i comunicatori e gli appassionati di politica di tutto il mondo torna per convincere gli elettori a votare. Con un drink inventato a Brooklyn che merita la nostra attenzione

Se amate la comunicazione, vi appassiona la politica e impazzite per ciò che nascondono i muri della Casa Bianca, The West Wing è la serie tv che proprio non potete perdere.

Tradotta in italiano con un tremendo “Tutti gli uomini del Presidente”, questa fortunata serie è andata in onda dal 1999 al 2006 sul canale televisivo NBC. Ambientata appunto nella prestigiosa ala Ovest della White House, ha vinto molti premi televisivi ma soprattutto ha consolidato il genio del suo autore Aaron Sorkin. In Italia abbiamo dovuto aspettare il 2002, ma per vedere tutte le stagioni una dietro l’altra bisognava alzarsi all’alba, oppure scaricarle piratandole da qualche sito.

Per questo, ad agosto di quest’anno, la pubblicazione di tutte le sette stagioni su Amazon Prime Video ha scatenato un grande entusiasmo tra i fan del nostro Paese.

I riferimenti al cibo non sono molti, e di solito si limitano a pochi accenni alle rapide pause pranzo che i membri dello staff al servizio del Presidente degli Stati Uniti si fanno portare alla scrivania.

Ma nella seconda stagione il Presidente, in un raro momento di tranquillità, si stupisce della bontà di una sorta di frullato e ne parla con il suo direttore della comunicazione, Toby Ziegler, che ne rivendica la paternità: «lo abbiamo inventato noi a Brooklyn».

È il Brooklyn egg cream, ed è in effetti una bevanda che può funzionare solo negli Stati Uniti, con una storia bizzarra proprio a partire dal nome.

Infatti, a dispetto di come si chiama, questo drink non ha uova: pare infatti che la ricetta attuale sia sopravvissuta a quella originale, che invece prevedeva le uova nel procedimento. Introdotta in America dagli ebrei provenienti dall’Europa orientale, in origine pare fosse un mix di panna e uova, con acqua gasata e topping al cioccolato. Tra i meno abbienti la miscela divenne presto più povera, e a panna e uova si sostituì del più semplice e meno costoso latte. E la ricetta che sopravvisse fu proprio quest’ultima.

Il professore di sociologia in pensione Daniel Bell contesta questa versione e sostiene che sia stato suo zio Hymie ad inventare la crema all’uovo negli anni ’20, nel suo negozio di caramelle nel Lower East Side. Le bibite al cioccolato con sciroppo e seltz erano già popolari, e suo zio le preparava aggiungendovi una pallina di gelato al cioccolato. Man mano che il gelato si scioglieva, la bevanda si concentrava, diventando troppo dolce, e lui ci aggiungeva dell’altro seltz.

Comunque sia nata la bevanda, la crema all’uovo divenne enormemente popolare e si diffuse in tutta la città. Come scrive Elliot Willensky in When Brooklyn Was the World: 1920-1957, «un negozio di caramelle senza crema all’uovo, almeno a Brooklyn, era difficile da concepire quanto la Terra senza gravità».

Come si prepara?

Si versa in un tumbler alto raffreddato in frigorifero, o meglio in un bicchiere da frullato alto e stretto sul fondo, poco latte freddo. Si pone nel latte un cucchiaio lungo. Si aggiunge seltz (o acqua gasata) fino ad arrivare al bordo del bicchiere: se usate il seltzer, dicono che colpire con il getto il cucchiaio aiuti a fare più schiuma. Si unisce una abbondante spruzzata di topping al cioccolato e si mescola, con il cucchiaio lungo, in modo che la crema si sciolga e si amalgami al liquido. Si serve immediatamente: è assolutamente da preparare espresso. Tutti i topping al cioccolato vanno bene, ma pare che uno vada meglio di tutti. È questo.

Avremmo potuto usare un quarto delle parole per raccontarvi la ricetta, ma abbiamo preferito scriverla “all’americana”: spiegando tutto ben bene, senza lasciare adito a dubbi. Che comunque, ci sono. Anche per una ricetta così basica, numerose sono le dispute su quale sia il modo migliore per prepararla.

Nel Bronx, infatti, il seltz viene aggiunto dopo lo sciroppo, facendo risultare tutta la bevanda, compresa la schiuma, marrone. A Brooklyn, la schiuma è sempre bianca, risultato dell’aggiunta del seltz prima dello sciroppo. Dal momento che Brooklyn è il luogo di nascita più probabile della miscela, noi abbiamo seguito le indicazioni di Jay Keller, che sostiene appassionatamente che questa è l’unica e autentica ricetta per fare una Egg cream come si deve.

Come ci assicura Country Living, questo drink ha circa le stesse calorie di una fetta di pane tostato imburrato. Se mangiati insieme, guardando la seconda stagione di The West Wing, potrebbero provocare assuefazione. L’occasione per gustarlo però, potrebbe anche essere la reunion del cast al completo, pianificata per il prossimo autunno e annunciata da una copertina di Entertainment Weekly.

Gli attori, infatti, daranno vita a una rappresentazione teatrale, rifacendo un episodio della terza stagione e il ricavato andrà a favore di When We All Vote, un’organizzazione senza scopo di lucro co-presieduta da Michelle Obama, Tom Hanks, Lin-Manuel Miranda, Janelle Monae e altri, che vuole mobilitare gli elettori americani e invitarli al voto.

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta