Cucina con GastronomikaCalamarata con frutti di mare e asparagi

Lo Chef Giuseppe Mancino raccoglie i sapori del mare e della terra e li chiude in un barattolo: la ricetta che ci propone è semplice da riprodurre e garantisce l’effetto sorpresa. Aprendo il barattolo in tavola si sentirà tutto il profumo della Versilia

Giuseppe Mancino

Ogni giorno vi raccontiamo una nuova ricetta da provare, costruendo insieme le nostre cene e cercando di imparare di giorno in giorno una tecnica, un tipo di cottura, un taglio sempre nuovi. Non diventeremo chef, ma sicuramente avremo nel nostro quaderno qualche nuovo grande classico di famiglia, da condividere nei prossimi mesi nelle cene con gli amici. Prima di cominciare, un unico imperativo: lavatevi bene le mani.

Ingredienti

400 g di calamarata , 200 g di calamari freschi, 200 di vongole veraci, 200 g di cozze italiane, 4 scampi freschi, 4 gamberi freschi sgusciati, 4 asparagi coltivati, olio extravergine di oliva, 1 spicchio di aglio, 1 pizzico di peperoncino in polvere, prezzemolo , sale

Procedimento

In una padella fate soffriggere l’aglio insieme con il peperoncino ed a un pugno di prezzemolo tritato; unite i calamari tagliati a cubetti e, non appena sono dorati, aggiungete le cozze e le vongole con il guscio. Coprite con il coperchio e lasciate cuocere per circa 5 minuti. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela molto al dente e tenetela da parte aggiungendo un filo d’olio. Quando i frutti di mare saranno aperti, privateli del guscio (eliminate quelli che resteranno chiusi), aggiungete la pasta tenuta da parte e saltate il tutto nella padella. Distribuite poi la pasta in 4 barattoli in vetro adatti alla cottura in forno, aggiungendo i gamberi, gli scampi e gli asparagi crudi; unite un mezzo bicchiere di acqua di cottura della pasta, chiudete i contenitori ermeticamente e adagiateli in una pentola contenente acqua a 90 °C. Proseguite la cottura per circa 7 minuti. I barattoli in vetro andranno aperti direttamente in tavola: perfetto l’abbinamento con il Greco di Tufo.

Lo sguardo si perde tra il Tirreno e le Alpi Apuane: la terrazza all’ultimo piano dell’Hotel Principe di Piemonte a Viareggio è la cornice per una cena al Ristorante Piccolo Principe, con le sue due stelle Michelin. Lo Chef Giuseppe Mancino raccoglie i sapori del mare e della terra e li chiude in un barattolo: la ricetta che ci propone è semplice da riprodurre e garantisce l’effetto sorpresa. Aprendo il barattolo in tavola si sentirà tutto il profumo della Versilia.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club