Aveva 60 anniÈ morto Diego Armando Maradona

Il campione argentino ha avuto un arresto respiratorio. A inizio novembre era stato operato d’urgenza al cervello per la rimozione di un coagulo di sangue. Ad annunciarlo è stato il quotidiano argentino Clarin sul proprio sito

È morto Diego Armando Maradona. L’ex Pibe de oro ha avuto un arresto respiratorio mentre si trovava nella sua casa di Tigre, in Argentina. aveva compiuto 60 anni il 30 ottobre scorso e a inizio novembre era stato operato d’urgenza al cervello per la rimozione di un coagulo di sangue dopo la scoperta di un ematoma subdurale.

Maradona era stato dimesso dall’ospedale otto giorni dopo l’operazione ed era stato portato nella casa nella località a Nord dell’area metropolitana di Buenos Aires, poco distante dall’abitazione della figlia Giannina, che si è presa cura di lui in queste settimane.

A dare per primo la notizia è stato il quotidiano argentino Clarin sul proprio sito.

Il campione argentino è stato uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi: ha vinto da protagonista i Mondiali in Messico nel 1986 con la Nazionale albiceleste e in Italia, con la maglia del Napoli, ha vinto lo scudetto – due volte, nel 1987 e nel 1990 -, la Coppa Italia nel 1987 e la Coppa Uefa nel 1991.

Ma il lascito di Maradona va ben oltre i trofei: una figura unica, inimitabile, dentro e fuori dal campo. È l’autore della “Mano del Dios” e del “Gol del Secolo” con cui da capitano dell’Argentina aveva eliminato l’Inghilterra dai Mondiali del 1986, appena quattro anni dopo il conflitto delle Isole Malvinas/Falkland.

La sua carriera aveva subito una battuta d’arresto il 17 marzo 1991 dopo un controllo antidoping successivo a Napoli-Bari 1-0: era risultato positivo alla cocaina. Dopo uno stop di un anno e mezzo, era andato via da Napoli – la società avrebbe ritirato il suo numero 10 – e aveva trovato posto al Siviglia e poi di nuovo in Argentina nel Newell’s Old Boys. Fino al 1994: durante i Mondiali era risultato positivo all’efedrina rimediando un’altra squalifica che ne avrebbe decretato la fine della carriera. O quasi. Nel 1995 aveva scelto di giocare ancora, con la maglia del Boca Juniors: ancora una trentina di partite in due stagioni, prima del ritiro.

Da ogni parte del mondo arrivano messaggi di cordoglio con le sue immagini, i video delle sue imprese sul campo, un ricordo o semplicemente con dimostrazioni d’affetto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia