Il piano fantasmaUna task force e un commissario per il Recovery Plan

Saranno aperti due conti presso la Tesoreria centrale dello Stato per ricevere il flusso di denaro. Ma su quali progetti si sta lavorando ancora vige la massima segretezza

Foto Roberto Monaldo / LaPresse

Saranno una task force e una sorta di commissario ad hoc presso la Ragioneria dello Stato a presiedere l’attuazione del Recovery Plan con i fondi europei. È quanto prevede un articolo del disegno di legge di bilancio, approvato ieri dal governo. Una decisione che sembra rispondere alla richiesta di Bruxelles di una cabina di regia.

Dal 1 gennaio 2021 verrà costruita «presso il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato» del ministero dell’Economia «un’apposita unità di missione con il compito di coordinamento, raccordo e sostegno delle strutture del medesimo dipartimento a vario titolo coinvolte nel processo di attuazione del Pnrr», il Piano nazionale di ripresa e resilienza.

La stessa norma prevede la creazione di «un posto di funzione di livello dirigenziale generale di consulenza, studio e ricerca, di durata triennale rinnovabile una sola volta». Questa struttura presiederà e coordinerà l’erogazione dei fondi che arriveranno da Bruxelles «su due appositi conti correnti infruttiferi aperti presso la Tesoreria centrale dello Stato», uno dedicato ai contributi a fondo perduto e l’altro ai prestiti Ue.

Le risorse saranno poi trasferite a ciascuna amministrazione o organismo titolare die progetti, che sarà anche responsabile della attuazione «nel rispetto dei cronoprogrammi». La Ragioneria, a sua volta, svilupperà un «sistema informatico» per «supportare le attività di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Pnrr». Con un dpcm saranno definite le modalità di monitoraggio di ogni singolo progetto con indicazioni puntuali su obiettivi intermedi e finali. I trasferimenti avverranno sulla base di rendicontazioni bimestrale sullo stato di avanzamento dei lavori. E in caso di inadempimento, verranno revocati e assegnati ad altri progetti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia