Effetto crisiConte lascia 547 decreti attuativi in sospeso

Varati solo 372 provvedimenti dei 919 previsti dagli ultimi due esecutivi, scrive Il Sole 24 Ore. Eppure sono atti necessari per rendere operative le riforme economiche e le misure previste nella legge di bilancio per contrastare l’emergenza economica. Compresi i tanti bonus

Foto Mauro Scrobogna / LaPresse

Con la crisi di governo, rischiano di bloccarsi – o quantomeno di rallentare il loro cammino – ben 547 decreti attuativi necessari per dare pieno compimento alle riforme economiche varate dai due governi guidati da Giuseppe Conte. I calcoli li ha fatti Il Sole 24 Ore. E in particolare è il lavoro dell’ultimo esecutivo a poter risentire della stasi, con la conseguenza che i tanti decreti messi in campo per contrastare l’emergenza non potranno essere resi operativi. O almeno non subito.

I numeri parlano chiaro: gli interventi anti-pandemia, dal decreto Cura Italia all’ultima legge di bilancio, sono legati a 504 decreti applicativi, di cui 358 devono ancora vedere la luce. Il tasso di attuazione è al 29%, contro il 32% del totale delle riforme economiche varate dal Conte bis e il 40,5% dell’intero pacchetto di misure messe in campo dai due governi guidati dall’avvocato.

Se gli uffici dei ministeri si fermano, l’attuazione si blocca. E questo sarebbe un problema, anche perché il governo era già in ritardo nella «messa a terra» dei vari decreti d’emergenza approvati da marzo in poi. Lo stop o il rallentamento renderebbe ancora più marcato questo ritardo: dei 547 decreti in attesa, 152 sono già scaduti e di questi 106 fanno riferimento agli interventi del Conte bis.

I primi venti decreti ministeriali applicativi della legge di bilancio, ad esempio, scadono alla fine di questa settimana e serviranno a rendere operative misure come il contributo alla connessione Internet per le famiglie a basso reddito o il finanziamento per la produzione di ossigeno a uso medico. E nelle maglie della crisi rischiano di restare incagliati anche i bonus, da quello per la tv a quello per i rubinetti ecologici.

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia