Qui si parrà la tua nobilitateDraghi e la missione possibile di fare meglio di Conte su Alitalia e Ilva

Dopo mesi di stagnazione qualcosa finalmente si muove nei due dossier più spinosi sul tavolo del governo. Risolverli non sarà semplice, ma l’immagine di un presidente del Consiglio decisionista segnerebbe davvero una discontinuità sostanziale e non solo d’immagine con l’avvocato del popolo

Pixabay

Mario Draghi ha deciso di prendere subito di petto i dossier più difficili lasciati intatti dal governo Conte, Alitalia e Ilva. I due nodi più aggrovigliati della politica industriale sono un po’ la metafora della condotta attendista e indecisionista del precedente governo, prigioniero di un premier e di ministri poco esperti delle questioni; e chi si immaginava che Draghi preferisse tempi più distesi adesso si deve ricredere, e l’immagine di un presidente del Consiglio decisionista segnerebbe davvero una discontinuità sostanziale e non solo d’immagine con l’avvocato del popolo.

Ma d’altra parte le due questioni rischiano di marcire e di fare vittime sia sul versante finanziario che su quello umano. Per questo il presidente del Consiglio ha subito incaricato Giancarlo Giorgetti, neo ministro per lo Sviluppo economico, di muoversi. Giorgetti d’altronde questi problemi li conosce bene, non ha da perdere tempo per impadronirsi della materia. 

Detto questo le soluzioni non sono esattamente a portata di mano, sebbene su Alitalia l’impressione è quella delle famosa luce in fondo al tunnel grazie al possibile ritorno in campo di Lufthansa, che alla fine potrebbe risultare il solo partner internazionale in grado di garantire un futuro a un’azienda ormai in difficoltà, e non è certo la prima volta, a pagare gli stipendi o giù di lì. Il tempo a disposizione è veramente poco, anche perché si tratta di mettere a punto una strategia già per questa estate, quando  sembra possibile una almeno parziale uscita dall’emergenza-Covid e dunque una prima ripresa del traffico aereo.

Siamo all’ipotesi, ma l’iter che porterebbe alla nascita di una nuova compagnia e all’ingresso di Lufthansa sarebbe in tre step: in un primo momento il conferimento di tutti gli asset – aerei, immobili, dipendenti, marchio, attività di volo e manutenzione e perfino le Mille Miglia – alla Cityliner; poi la cessione di Cityliner al Ministero dell’Economia; da ultimo l’ingresso di Lufthansa in Cityliner o anche in un veicolo ad hoc, come la newco Ita che era stata inventata dal governo Conte. 

Anche su Ilva bisogna riprendere un’iniziativa di governo. Ieri si è rivista plasticamente in atto la pratica concertativa di Carlo Azeglio Ciampi, probabilmente un faro politico dell’attuale presidente del Consiglio: il primo passo infatti è stato quello di chiamare le parti sociali al tavolo. Intanto per verificare la situazione dopo che il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospensiva presentata da ArcelorMittal contro la sentenza del Tar di Lecce che impone all’azienda di spegnere gli impianti dell’area a caldo entro il 14 aprile. Dunque Arcelor dovrà attendere il 13 maggio, giorno in cui, il massimo organo della giustizia amministrativa si esprimerà nel merito e quindi deciderà se davvero l’area a caldo di Ilva va spenta o meno.

E poi l’incontro è servito anche per rassicurare i sindacati (era presente anche il ministro del Lavoro Andrea Orlando) sugli impegni relativi alla cassa integrazione straordinaria. Sindacati moderatamente soddisfatti, ci saranno incontri la settimana prossima. Ma qualcosa finalmente si muove dopo mesi di stagnazione.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia