Lievitazioni La ricetta del pane di Davide Longoni che ti cambia la vita

Al bando le difficoltà. All’inizio, un mix di acqua e farina che riposa; a metà, qualche colpo ben assestato; alla fine, coccole. Ecco come realizzare una pagnotta che dà grande soddisfazione senza sforzo e senza particolari competenze. Ma con la ricetta giusta

Ingredienti e dosi per una pagnotta:
500 g di farina di tipo 0
370 g di acqua a 20°
10 g di sale
100 g di pasta madre o 5g di lievito di birra fresco

Procedimento:
Mescolare 500 g farina con 370 g acqua e far riposare in una ciotola coperta per un’ora. Si chiama idrolisi, ma non facciamola troppo lunga. È uno dei trucchi che vi farà impastare con gioia, a mano, senza problemi.

Aggiungere 5 g di lievito ponendolo nel centro dell’impasto e chiudendolo all’interno dell’impasto con la parte in alto esterna, come se lo stessimo impacchettando.

Capovolgere l’impasto e unire 10 g di sale. Ripetere lo stesso procedimento, coprendolo con l’impasto dall’esterno verso l’interno.

Iniziare a lavorarlo, impastando con il palmo della mano.

Sbattere con forza l’impasto sul tavolo di lavoro dalla parte più liscia e riportarlo a palla arrotolandolo su se stesso. Ripetere per alcune volte. Questa è la parte che preferiamo: perché, oltre a dare forza al pane, serve come perfetto antistress!

“Pirlare” poi l’impasto formando una palla liscia, accarezzandolo in forma circolare, e metterla a riposare per un’ora, in una ciotola coperta con pellicola.

Dare una piega (ovvero ripiegare l’impasto su se stesso) e rimettere a riposo l’impasto per un’altra ora, ripetere lo stesso procedimento dopo un’altra ora.

Formare i panini o la pagnotta e metterli a lievitare in un cestino o in una ciotola con un torcione infarinato per almeno 2 ore, con la parte liscia verso il basso, se si sceglie la lievitazione fuori dal frigo. Riporre invece l’impasto per una notte in frigo per procedere con una lievitazione lenta.

Togliere dal cestino, rovesciare su una teglia, praticare due tagli netti (si possono per esempio usare le forbici) e infornare l’impasto a 250 gradi per 35/40’, ponendo nel forno una ciotola con dell’acqua per i primi venti minuti di cottura.

Noi lo mettiamo a cuocere in una pentola di ghisa, con coperchio, così che l’umidità crei un ambiente perfetto per mantenere il pane morbido allinterno e ben croccante allesterno.

Et voilà, il pane è servito. Volete più informazioni? Qui c’è un video con tutta la preparazione passo passo. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia