Take away Vs DeliveryUn’app per dare una spinta anche all’asporto

Dopo aver creato un mercato davvero sostanzioso sul delivery, ecco che qualcuno si occupa anche del pick up dei piatti pronti dai ristoranti. Cresce la piattaforma dedicata esclusivamente al servizio per mangiare tutto ciò che si desidera a prezzi fissi, favorendo il contatto tra gestori e clienti in totale sicurezza

Aloha polpo

Pick Meal Up” è la prima piattaforma digitale che regola il servizio d’asporto, mettendo in contatto diretto i ristoratori con potenziali clienti, abbatte i costi di consegna e consente massima libertà di scelta. Cresce così questo strumento vantaggioso per ordinare il proprio cibo preferito decidendo di non aspettarlo a casa, ma andandolo a ritirare sul posto.

In un momento storico in cui andare nei ristoranti non è facilissimo, questo progetto si pone come obiettivo quello di offrire ai ristoratori aderenti l’opportunità di incontrare “in store” i clienti, in totale sicurezza, e agli utenti che scaricano l’app la possibilità di mangiare ciò che desiderano a prezzi fissi e accessibili.

La piattaforma, che al momento opera a Milano e dintorni con prospettive di espansione, non prevede per i ristoratori alcun costo iniziale di attivazione né canone mensile o penale di disdetta. Gli iscritti possono scegliere i piatti da mettere in vendita e in quali quantità, al fine di monitorare più facilmente gli ordini e l’orario di ritiro, garantendo la qualità del prodotto e, al tempo stesso, riducendo al minimo gli sprechi. Con “Pick Meal Up” vengono meno i rischi legati alla consegna tramite terzi, che accomunano il variegato mondo del “delivery”, dando al ristoratore la possibilità di farsi conoscere direttamente dal cliente, che a sua volta può toccare con mano e constatare con i propri occhi la sicurezza della cucina e il trattamento riservato al cibo.

L’utente che sceglie di avvalersi della piattaforma ha massima libertà nella scelta del ristorante, della spesa a cui va incontro e, ovviamente, dell’orario di ritiro. “Pick Meal Up”, infatti, consente di selezionare piatti con prezzi fissi (7 € o 14 €) e di avvisare il ristoratore sul proprio orario di arrivo, a vantaggio della freschezza e dell’integrità del cibo. Disponibili anche gli abbonamenti adattabili alle proprie esigenze. Questi permettono l’acquisto di una card digitale da 5 o 10 pasti, garantendo risparmio e comodità per il cliente e fidelizzazione e supporto economico per il ristoratore, che può incassare oggi ciò che verrà consumato domani.

Il risultato è un servizio completamente alternativo al “delivery”, che impone un’attesa passiva del proprio pasto. “Pick Meal Up” permette invece di vivere attivamente questa esperienza, consentendo all’utente di trascorrere senza interruzioni la propria giornata e decidere in base alle proprie esigenze quando ritirare e dove consumare, se a casa, in ufficio o al parco.

Non c’è limite alla tipologia di piatto: da bar e caffetterie per la prima colazione, passando per ristoranti italiani ed etnici, perfetti per una pausa pranzo healthy, gustosa o fuori dal comune, fino ad arrivare a rinomati locali dislocati in tutta la città. Non mancano proposte di street food per chi va di corsa, senza tralasciare sushi, poke e hamburger per i più golosi.

«Pick Meal Up è la prima app tutta dedicata al servizio takeaway che offre ottimi pasti a prezzo fisso e abbonamenti food. Grazie a noi i ristoranti possono creare fantastiche proposte e abbonamenti e i clienti possono pre-ordinare e ritirare i propri pasti in modo semplice e veloce, risparmiando tempo e denaro» afferma Carlo Farina, uno dei founder della piattaforma – «Per tutti i ristoratori che vogliono raggiungere più clienti con un servizio senza costi di attivazione e con basse commissioni, per tutte le persone che vivono la città e che cercano un pasto e per tutti coloro che vogliono operare in totale sicurezza, Pick Meal Up è la soluzione migliore!»

Oltre a regolare il servizio d’asporto, infatti, Pick Meal Up dà la possibilità di digitalizzare il menù, preordinare e pagare direttamente tramite l’app, evitando qualsiasi tipo di contatto fisico diretto, una fortuna per tutti anche in caso di riapertura dei ristoranti.

Dopo più di un anno in cui ci si è ritrovati costretti ad attendere le consegne a domicilio all’interno delle mura domestiche, “Pick Meal Up” assicura ai fruitori non velocità, ma valore per il proprio tempo, non la comodità di stare fermi, ma quella di essere in movimento, oltre al risparmio sui costi di consegna e al contatto umano con il ristoratore.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club