Costruire una pace duraturaDobbiamo creare una nuova comunità politica europea, dice Emmanuel Macron

Il presidente francese è intervenuto al termine della Conferenza sul futuro dell’Europa proponendo la revisione dei trattati dell’Ue, «dei quali si può parlare già nel prossimo Consiglio», e un ampio progetto per migliorare l’indipendenza e la sovranità dell’Unione

AP/Lapresse

Pubblichiamo il discorso integrale del presidente francese e presidente di turno del Consiglio dell’Unione europea Emmanuel Macron al Parlamento europeo di Strasburgo, durante l’evento conclusivo della Conferenza sul futuro dell’Europa

*****

Ho una brutta notizia per voi, farò un discorso. Ma la buona notizia per voi è che cercherò di non ripetere ciò che è già stato detto, molto bene, prima di me.

Signora Presidente del Parlamento europeo, cara Roberta,

Signora Presidente della Commissione europea, cara Ursula,

Signor Primo Ministro del Portogallo, caro Antonio,

cari Copresidenti,

Signore e Signori,

Ministri, Membri del Parlamento europeo,

Membri del Parlamento,

Cari concittadini e cittadini europei,

«La pace nel mondo non può essere salvaguardata senza sforzi creativi commisurati ai pericoli che li minacciano». Queste parole, quelle di Robert Schuman, il 9 maggio 1950, sul contributo che un’Europa viva deve dare alla civiltà, sono più che mai essenziali. Questi sforzi creativi corrispondono al momento in cui viviamo e sono senza dubbio ancor più necessari oggi che ieri.

Lo sono in questi tempi in cui la guerra è tornata – l’avete detto tutti perfettamente – nel nostro continente; in un momento in cui un popolo europeo, il popolo ucraino, lotta per la libertà. Lo sono in un momento in cui voi, cittadini europei, parlamentari, ministri, commissari, politici e cittadini che in realtà siete specialisti, come lei ha detto prima, avete portato a termine un esercizio democratico senza precedenti nella nostra storia e in quella del mondo.

Di questa Europa viva, creativa, democratica, questa Europa delle azioni concrete, voi ne siete i rappresentanti e spetta a noi esserne gli artefici, qui, a Strasburgo, in questa capitale europea a cui teniamo tanto. La scelta sovrana del popolo francese mi porta oggi davanti a voi per dirvi che c’è un compito storico di fronte al quale la Francia non si sottrarrà, che porterà ancora più in alto, perché la Francia ha scelto ancora una volta in modo chiaro e deciso l’Europa dandomi un nuovo mandato per lavorare con tutti voi per costruire un’Europa più forte e più sovrana. Questa Europa che celebriamo oggi, abbiamo deciso un anno fa, collettivamente, di portarla a una nuova fase. È stato con il presidente David Sassoli, a cui tutti pensiamo oggi, l’avete detto molto bene entrambi, ed è stato sotto la presidenza portoghese, caro Antonio.

Voglio salutare la Presidenza e l’eleganza del Primo Ministro portoghese che è con noi oggi per essere, in continuità, fedele a questo impegno. Lanciato qui un anno fa, in un contesto leggermente diverso, lo ricordiamo tutti, qui a Strasburgo, in questa capitale della ritrovata fraternità europea, in questo Parlamento che custodisce ciò che abbiamo di più prezioso: la nostra democrazia europea.

Questa nuova fase è quella di un esercizio democratico senza precedenti nella nostra Unione, che quindi non consiste nel presentare ai nostri cittadini alternative a volte forse troppo semplici, a favore o contro, ma nel coinvolgerli pienamente nella riflessione sul futuro della nostra Europa.

Quello che è stato fatto, e che non ha precedenti, è essere pienamente associati in un momento storico di sfida, per creare attraverso la deliberazione collettiva, l’intelligenza del dibattito, il confronto di idee, delle soluzioni: alcune pronte per essere applicate immediatamente, altre che devono continuare il loro cammino. Ma tutte ci permettono di costruire questa Europa di oggi e di domani.

Oggi, il 9 maggio, la libertà e la speranza nel futuro hanno il volto dell’Unione Europea. È in nome di questa libertà e speranza che sosteniamo e continueremo a sostenere l’Ucraina, il suo presidente, Volodymyr Zelensky e tutto il popolo ucraino.

Qual è il nostro obiettivo di fronte alla decisione unilaterale della Russia di invadere l’Ucraina e attaccare il suo popolo? Fermare questa guerra il più presto possibile. Fare tutto il possibile per assicurare che l’Ucraina possa alla fine resistere e che la Russia non vinca mai. Per preservare la pace nel resto del continente europeo ed evitare qualsiasi escalation.

Per porre fine a questa guerra, abbiamo adottato sanzioni senza precedenti pur di ostacolare in modo permanente le fonti di finanziamento della guerra in Russia. Per sostenere l’Ucraina, abbiamo mobilitato risorse militari, finanziarie e umanitarie senza precedenti, e dobbiamo e vogliamo intensificare i nostri sforzi per mettere in atto un’efficace risposta di sicurezza alimentare. Per garantire che la giustizia parli, stiamo lottando e lotteremo contro l’impunità per gli indicibili crimini commessi dalla Russia in Ucraina.

Ma non siamo in guerra con la Russia. Stiamo lavorando come europei per la conservazione della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina, per il ritorno della pace nel nostro continente. Spetta all’Ucraina definire le condizioni per i negoziati con la Russia. Il nostro dovere è di stare al suo fianco per ottenere un cessate il fuoco e poi costruire la pace. Allora saremo lì per ricostruire l’Ucraina come europei, sempre. Perché, infine, quando la pace tornerà sul suolo europeo, dovremo costruire nuovi equilibri di sicurezza e non dovremo mai cedere alla tentazione dell’umiliazione o allo spirito di vendetta, perché hanno già, in passato, devastato i sentieri della pace.

È anche in nome di questa libertà e di questa speranza che ci siamo impegnati in questo spirito civico che state portando avanti, questo respiro democratico senza precedenti. L’avete detto molto bene, tutti voi, con le vostre parole: le vostre generazioni, il vostro lavoro ci rende obbligati, e oggi non segna una fine, ma piuttosto un punto e virgola, la fine di una tappa del vostro lavoro e l’apertura di una responsabilità che è nostra. La presidente della Commissione europea ha detto benissimo e si è appena impegnata a garantire che ogni vostra proposta sia esaminata e seguita con attenzione. Vorrei ringraziarla per questo. Avremo un incontro concreto a settembre, come avete sentito.

Sotto la presidenza del Consiglio dell’Unione Europea, come presidente dell’Unione europea, e come presidente della Repubblica francese, anch’io farò in modo che questo esercizio non rimanga semplicemente un esercizio di stile o un esempio di metodo, ma che porti effettivamente a qualcosa di pratico, a sviluppi forti e concreti e che i cittadini europei possano raccoglierne i frutti. Perché questa conferenza non deve fermarsi qui.

Sono convinto, se posso dirlo, che in questo momento storico e nella guerra che stiamo attraversando, come il vostro lavoro ha confermato, le crisi non debbano distoglierci dalla nostra agenda. Molte delle vostre proposte non richiedono una riforma istituzionale, ma ci ricordano la necessità di quello che dobbiamo fare. La protezione del clima e della biodiversità, la salute e la qualità del nostro cibo. Un’Europa più equa e inclusiva. Un’Europa dell’uguaglianza tra donne e uomini. Un’Europa con i mezzi per difendersi, un’Europa della solidarietà, un’Europa della difesa dei nostri valori e dello stato di diritto. In tutte le vostre proposte, ci sono molte cose molto concrete. Spetterà a noi, nei prossimi Consigli e nell’agenda della Commissione, trarre tutte le conclusioni. Mi impegno a farlo qui.

Il vostro lavoro distingue due esigenze sulle quali vorrei tornare in particolare: quella dell’indipendenza e dell’efficienza, senza le quali non c’è legittimità per le nostre democrazie. Questi due imperativi sono anche le lezioni che stiamo traendo collettivamente dalle crisi che abbiamo appena attraversato e che stiamo vivendo: indipendenza ed efficacia. Più indipendenza europea, più sovranità, ecco di cosa abbiamo bisogno.

Superando la crisi di senso che è durata per tanti decenni, la nostra Europa si è rimessa insieme negli ultimi anni. Attraverso le vostre proposte, stiamo riscoprendo il filo di questa agenda strategica che abbiamo elaborato anche insieme ai presidenti e al primo ministro portoghese, questa agenda di indipendenza strategica, questa agenda di Versailles.

La crisi finanziaria di 10 anni fa, la pandemia e la guerra ci hanno mostrato le nostre vulnerabilità, con il rischio di aggravare le conseguenze se non rispondiamo abbastanza rapidamente e fortemente a queste debolezze. Il progetto di un’Europa padrona del proprio destino, libera di fare le proprie scelte, un’Europa potente e aperta al mondo, ma in cui vogliamo poter scegliere i nostri partner e non dipendere da loro, è al centro della nostra missione. Rimanere aperti senza essere dipendenti è una condizione per la continuazione del progetto europeo e delle nostre democrazie. Avete delineato alcune coordinate. Corrispondono anche a ciò su cui lavoreremo nelle prossime settimane e mesi.

In termini di difesa, investire ancora di più, identificare le capacità che devono essere formate e costruire settori industriali europei a questo scopo, prepararci a nuove forme di conflitto, che siano nello spazio, nel cyberspazio o nel mare, e proteggere meglio i Paesi qui presenti che sono ai confini dell’Unione Europea. Di fronte a un nuovo rischio, una nuova minaccia che è arrivata nelle ultime settimane, questo è il nostro dovere. E tutto quello che stiamo difendendo oggi sarebbe lettera morta se non sapessimo, nelle prossime settimane e mesi, come dare credibilità alle nostre azioni in Europa grazie alla nostra cooperazione, ai nostri alleati, alle nostre alleanze, per difendere anche noi stessi – e per difendere il nostro fianco orientale in particolare.

Per quanto riguarda l’ambiente, come avete scritto, dobbiamo allontanarci più rapidamente dai combustibili fossili, e la guerra ci impone di farlo. Questo significa sia affrontare la nostra agenda sul clima che essere più indipendenti, e far sì che la Russia si assuma le sue responsabilità. La guerra in Ucraina e il nostro desiderio di uscire dalla nostra dipendenza dai combustibili fossili russi ci impone di essere ancora più ambiziosi sul fronte del clima, di investire di più nelle energie rinnovabili e nel nucleare, di prendere la strada della sobrietà energetica e di continuare a proteggere e accompagnare gli europei di fronte all’aumento dei prezzi.

Agendo come europei, per fare del nostro continente una potenza ecologica e neutrale al carbonio, dobbiamo anche riconquistare la nostra indipendenza alimentare. La guerra in Ucraina sta destabilizzando profondamente le catene di approvvigionamento e i mercati globali. Dobbiamo rivalutare le nostre strategie di produzione per difendere la nostra sovranità alimentare e proteica in Europa. Ma anche per poter definire e rivalutare una strategia verso il resto del mondo. Se vogliamo evitare carestie, destabilizzazioni geopolitiche alle nostre frontiere e drammi nel bacino del Mediterraneo, è nostra responsabilità di europei.

Infine, l’indipendenza democratica e informativa. Nelle vostre proposte mettete giustamente l’accento su questo punto. Avete cominciato a dimostrare cosa siamo veramente: un potere cittadino e democratico. E non c’è un equivalente nel mondo, non esiste. Dobbiamo continuare a dare vita a questo potere civile difendendo la libertà e l’integrità delle informazioni scambiate sul nostro suolo; difendendo l’integrità dei nostri processi democratici; difendendo la democrazia e lo stato di diritto ovunque sul nostro suolo. Questo è ciò che stiamo rivivendo attraverso l’eroica lotta dei nostri fratelli ucraini. La democrazia è fragile, lo stato di diritto è precario. Ricostruiamo insieme la sua forza attraverso nuovi impegni. La nostra indipendenza e la nostra sovranità sono le condizioni della nostra libertà.

E poi, la seconda grande strada, che voglio ricordare, è quella dell’efficienza. Sì, rispondere alle crisi con forza, chiarezza e velocità è decisivo, e farlo come democrazia. Ricordate, due anni fa, o anche un anno fa, quello che si sentiva dire? Tanti ci spiegavano che per rispondere alla pandemia fosse molto meglio essere una potenza autoritaria. Che funzionava molto meglio non avere un sistema democratico. Che i vaccini russi o cinesi ci avrebbero salvato. Cosa abbiamo dimostrato? Quella scienza libera e aperta, quei processi democratici, trasparenti, deliberativi e precisi nei nostri parlamenti nazionali e a livello europeo, quell’Europa che si inventa potenza sanitaria – e saluto l’impegno e l’enorme lavoro della Commissione perché non c’era un trattato che lo dicesse, né un testo che lo definisse – insieme ha costruito una risposta di scienza, democrazia ed efficienza a questa pandemia. Producendo un vaccino sul nostro suolo, diventando la prima zona di produzione di vaccini al mondo, non chiudendo mai le nostre frontiere, rimanendo sempre quelli che le tengono aperte ed esportano, ed essendo la prima potenza nella solidarietà dei vaccini. Questa è l’Europa di cui dovremmo essere orgogliosi: un’Europa della democrazia, della scienza aperta e libera e dell’efficienza. Uno con l’altro. Ebbene, questa è la scelta che dobbiamo continuare a fare.

Quando guardo indietro agli ultimi 15 anni, siamo stati troppo lenti a reagire alla crisi economica e finanziaria. Il Portogallo e molti altri, la Grecia, da cui lei proviene, hanno vissuto le tragedie. Prima ci siamo divisi, siamo ricaduti nei nostri egoismi nazionali, abbiamo puntato il dito, non abbiamo dato una risposta collettiva e abbiamo sostanzialmente detto alla gente di adattarsi a una realtà e a una crisi finanziaria che, vi ricordo, è stata importata da oltre l’Atlantico. L’unica risposta è venuta, siamo umili, dalla Banca Centrale Europea e dalla famosa formula “whatever it takes” – in buon francese o in alsaziano, cui rendo omaggio qui – pronunciata da Mario Draghi. Ma di fronte alla pandemia e oggi di fronte alla guerra, abbiamo dimostrato il contrario. Di fronte alla pandemia, la risposta che ho menzionato, ma anche la decisione unica nel luglio 2020 di costruire un nuovo bilancio, finanziamenti mutualizzati, una nuova ambizione per l’Europa, raccogliendo denaro insieme sui mercati per investire negli europei per le nostre priorità. E di fronte alla guerra, abbiamo deciso per la prima volta di mobilitare il Fondo Europeo per la Pace per aiutare l’Ucraina a difendersi e a combattere come non abbiamo mai fatto prima. Siamo orgogliosi di queste scelte efficaci, senza le quali non saremmo qui oggi a parlarci in questo modo. Beh, in un certo senso, questa efficienza [applausi] potete applaudire la nostra Europa, siete tutti voi.

La sfida che ci pone è di essere altrettanto efficaci in tempo di pace e senza crisi. Ed essere efficienti significa decidere rapidamente e in modo unitario, saper investire massicciamente nelle direzioni giuste, non lasciare nessuno a piedi, ecco cosa vuol dire essere europei.

Di fronte a questo, dovremo anche riformare i nostri testi, questo è ovvio. E voglio anche dire chiaramente oggi che uno dei modi di questa riforma è di convocare una convenzione per rivedere i trattati. Questa è una proposta del Parlamento europeo, e la approvo. Io sono a favore. Presuppone che stiamo lavorando duramente, sulla base delle vostre proposte, e del vostro lavoro inoltre, per definire molto chiaramente i nostri obiettivi, perché dobbiamo iniziare una convenzione sapendo dove stiamo andando.

Nella mia esperienza, quando iniziamo lavori così ambiziosi, se non abbiamo un’idea chiara all’inizio, è raro che sia più chiara alla fine. Ci state dando un quadro molto forte, e i nostri dibattiti, che sono anche politici, quello che i capi di Stato e di governo stanno discutendo, lo dimostrano anche. E così, nelle prossime settimane, dovremo definire i prerequisiti. Dobbiamo anche costruire un accordo tra tutti noi. E io sono, vi dico, a favore di questa riforma istituzionale. E vorrei che ne discutessimo con la necessaria audacia e libertà al Consiglio europeo di giugno. Questo significherà muoversi verso una maggiore semplicità. Sappiamo come procedere, cioè continuare con il voto a maggioranza qualificata nelle nostre decisioni sulle nostre principali politiche pubbliche. Dobbiamo anche continuare ad andare avanti e definire i modi e i mezzi per mostrare più solidarietà, chiarendo i nostri obiettivi, e l’obiettivo di tutte le nostre istituzioni, stabilendo obiettivi che ci permetteranno di tenere insieme la nostra Europa: la crescita, la piena occupazione, i nostri obiettivi climatici. Dove le regole di tante nostre istituzioni europee sono state concepite decenni fa, e si basavano su obiettivi che probabilmente oggi sono diventati incompleti, che non ci permetteranno di resistere alle crisi che stiamo affrontando e alla sfida storica della nostra unità. La piena occupazione, l’obiettivo della crescita, la neutralità del carbonio e l’obiettivo della giustizia sociale devono essere al centro degli obiettivi delle nostre istituzioni.

Infine, la riforma e l’apertura di questo cantiere riguardano ovviamente anche la legittimità del controllo democratico, l’approfondimento di questa nuova avventura democratica, e quindi la continuazione delle innovazioni democratiche come abbiamo potuto fare attraverso il vostro lavoro. Ringrazio la signora Presidente per essersi già impegnata chiaramente in questo senso poco fa. Ma sappiamo che dobbiamo andare oltre. Le nostre leggi elettorali, le nostre regole di nomina dei nostri rappresentanti, le nostre regole di controllo, i nostri diritti di iniziativa nel Parlamento europeo, tutto questo è ciò che deve essere al centro di questa prossima convenzione. Credo molto profondamente che possiamo intraprendere questo lavoro, e l’ho messo sotto la bandiera dell’efficienza, perché? Perché credo che mantenere tutti questi obiettivi economici, sociali e ambientali sia ciò che ci permetterà di agire efficacemente e soprattutto di tenere insieme la nostra Europa. Perché senza questi obiettivi, non saremo più in grado di convincere i nostri popoli che l’avventura europea è quella che li unisce, li protegge e ci permette di andare avanti.

Nel contesto di questa sfida, sappiamo che potremmo non essere tutti d’accordo. E non dobbiamo temere le differenze o le idee d’avanguardia, che sono sempre state fruttuose per il progetto europeo. Inoltre, non hanno mai escluso, guidano, ed esistono già dall’euro a Schengen. Ma mi colpisce negli ultimi anni che il desiderio di mantenerci a 27 anni ci impedisca di essere più ambiziosi. Mi colpisce il fatto che lo dico in una constatazione di mezzo fallimento, che noi, capi di Stato e di governo, non riusciamo mai a riunirci nel formato della zona euro. Siamo l’unico sindacato di comproprietà che si astiene dal riunirsi. Come amministratore di condominio, devi sempre invitare tutta la strada. Abbiamo paura di assumerci la responsabilità di essere più ambiziosi, e dall’euro a Schengen, è sempre la stessa cosa, e ci sbagliamo perché questi circoli d’avanguardia non escludono, ma permettono a chi vuole andare un po’ più lontano di guidare gli altri e di rendere desiderabile l’ambizione, invece di rendere più rischioso un atteggiamento attendista. Sono a volte consapevole dei timori di un’Europa a più velocità, che già esiste, ma accelerare il passo, aumentare le nostre ambizioni, creare una convergenza al suo centro, senza un formato predefinito, senza mai escludere, ma anche senza mai far rallentare i più scettici o i più esitanti, è ciò che permetterà alla nostra Europa di affermarsi come una potenza. Questa differenziazione, aperta a tutti e fedele alla nostra storia e alle ambizioni dei fondatori, di Jacques Delors e della nostra Europa. Ed è una condizione di questa efficacia e di questa ambizione che ho menzionato.

Infine, per concludere, e qui mi sottraggo alle vostre proposte per tornare al contesto, e so che le mie osservazioni sarebbero incomplete se non rispondessi a questo particolare punto. La guerra in Ucraina e la legittima aspirazione di questo popolo, così come della Moldavia e della Georgia, a entrare nell’Unione Europea ci invitano a ripensare la nostra geografia e l’organizzazione del nostro continente. E voglio farlo con la stessa sincerità e lo stesso rigore con cui avete condotto il vostro lavoro e con cui vi parlo oggi.

L’Ucraina, grazie alla sua lotta e al suo coraggio, è già oggi un membro centrale della nostra Europa, della nostra famiglia, della nostra unione.

Ma anche se domani dovessimo concedergli lo status di candidato, l’istruzione è fatta e spero che si proceda rapidamente all’adesione alla nostra Unione Europea. Sappiamo tutti perfettamente che il processo che permette la loro adesione richiederebbe diversi anni, anzi, probabilmente diversi decenni, ed è la verità, a meno che non si decida di abbassare gli standard di questa adesione e quindi di ripensare completamente l’unità della nostra Europa e a volte i principi in nome dei quali chiediamo nei confronti di alcuni dei nostri stessi membri, e siamo tutti entusiasti di questo.

Siamo chiari, l’Unione europea, dato il suo livello di integrazione e di ambizione, non può essere a breve termine l’unico modo di strutturare il continente europeo. Ci sono già diversi paesi dei Balcani occidentali che sono impegnati in un processo di adesione. E questo processo continuerà e loro hanno una vocazione già tracciata. Ma dobbiamo molto chiaramente, di fronte a questo nuovo contesto geopolitico, trovare il modo di pensare alla nostra Europa, alla sua unità, alla sua stabilità, senza indebolire l’intimità costruita all’interno della nostra Unione Europea. Abbiamo dunque un dovere storico, non di fare come abbiamo sempre fatto e dire che l’unica risposta è l’appartenenza, ve lo dico molto sinceramente, ma di aprire una riflessione storica sull’organizzazione del nostro continente che sia all’altezza degli eventi che stiamo vivendo. In un momento in cui lo stesso Consiglio d’Europa, questa famiglia di valori comuni abbandonata dalla Russia, questo Consiglio presente qui a Strasburgo, è anche scosso dal balbettio della storia. Nel 1989, il presidente François Mitterrand ha aperto questa riflessione in un momento in cui l’Unione Sovietica si stava disintegrando, proponendo la creazione di una confederazione europea. La sua proposta non aveva un futuro. Probabilmente era troppo presto. Associava la Russia a questa confederazione, che naturalmente fu molto rapidamente inaccettabile per gli stati che si erano appena liberati dal giogo dell’Unione Sovietica. Ma ha posto una buona domanda, e questa domanda rimane: come possiamo organizzare l’Europa da un punto di vista politico e al di là dell’Unione Europea? È nostro obbligo storico rispondere oggi a questa domanda e creare quella che chiamerei una comunità politica europea.

Questa nuova organizzazione europea permetterebbe alle nazioni europee democratiche che aderiscono al nostro insieme di valori di trovare un nuovo spazio di cooperazione politica, di sicurezza, di cooperazione in materia di energia, di trasporti, di investimenti, di infrastrutture e di circolazione delle persone, soprattutto dei nostri giovani. L’adesione non pregiudicherebbe necessariamente la futura appartenenza all’Unione europea, né sarebbe chiusa a coloro che hanno lasciato quest’ultima. Riunire la nostra Europa nella verità della sua geografia, sulla base dei suoi valori democratici, con la volontà di preservare l’unità del nostro continente e conservando la forza e l’ambizione della nostra integrazione.

Questa è la proposta che volevo farvi oggi, oltre alla risposta alla vostra. Nelle prossime settimane e mesi, cercherò di consultare e lavorare con tutti gli Stati e i governi interessati a questo progetto per cercare di portarlo a termine, perché credo che la stabilità e il futuro del nostro continente dipendano da questo.

Signore e signori, un anno fa vi ho detto che speravo che questa conferenza fosse il ritorno dei grandi sogni e delle grandi ambizioni. Questo è quello che volevate anche voi. Questo è quello che avete fatto. Questo è ciò che perseguiremo insieme. Questa è l’Europa. Sono sogni folli, ambizioni senza precedenti. E poi è la capacità collettiva di costruire compromessi che a volte possono sembrare faticosi, ma che sono il linguaggio dell’Europa, cioè il linguaggio della traduzione permanente. Agire con forza. Muoversi velocemente. Sognare in grande. Queste parole non sono solo una prerogativa della Cina o degli Stati Uniti d’America. Condividiamo queste ambizioni. Non dimentichiamo che non sarebbe niente senza quest’anima europea in più che ci rende unici, che stabilisce la rotta, che dà senso, che rende la nostra Europa e questo continente senza precedenti dove si fanno grandi feste parlando tutte le nostre lingue e traducendole e avendo una lingua universale che è la nostra, la musica, i nostri inni europei. Quindi questo percorso che abbiamo iniziato a tracciare qui, ora a Strasburgo, è in qualche modo un giuramento. Questo giuramento di Strasburgo per un’Europa sovrana, unita, democratica e ambiziosa. Sta a noi essere fedeli ad essa, tutti insieme.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter