Alberi e farfalleSe il clima non cambia ci mancherà anche il peperoncino

Grande siccità in Messico, niente più salse piccanti negli hamburger e nelle grigliate in California. La globalizzazione non sta più in piedi se il global warming non viene risolto

L’iconica salsa al peperoncino con il gallo sulla bottiglia, una vera bandiera americana del gusto, potrebbe presto mancare dagli scaffali dei generi alimentari. Huy Fong Foods Inc., l’azienda californiana di Irwindale che produce la sriracha, ha sospeso la produzione della salsa, insieme alle sue salse all’aglio e sambal oelek, a causa della carenza di peperoncino.

La sua salsa più celebre, ricavata da peperoncini maturati al sole poi frullati in una crema liscia e poi venduta in una comoda bottiglia da spremere facilmente ha i giorni contati.

La società ha affermato che sta vivendo una “grave carenza di peperoncino” a causa delle condizioni meteorologiche in cui vengono coltivati questi piccanti frutti. Huy Fong ha comunicato ai suoi consumatori in una lettera condivisa sul web che i suoi peperoncini provengono dal Messico, che attualmente è in crisi per la siccità.

«Purtroppo, questa situazione è fuori dal nostro controllo e senza questo ingrediente essenziale non siamo in grado di produrre nessuno dei nostri prodotti (Chili Garlic, Sambal Oelek e Sriracha Hot Chili Sauce)», ha scritto l’azienda ai clienti.

Sotto al post di Foodinsider che rilancia la notizia gli appassionati di questo prodotto sono disperati e si moltiplicano appelli per fare in modo che si trovi una soluzione.

 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter