Dialogo attivoL’iniziativa che consente alle persone con disagio psichico di diventare guide museali

Il progetto è promosso dall’associazione Artup, che si occupa di inclusione sociale e salute mentale. Comunicare ai visitatori gli aspetti emotivi ed emozionali delle opere offre agli “esclusi” per eccellenza una dimensione creativa, profondamente feconda, unica nel suo genere

Parco d’arte Il Padiglione Rosso di ArtLine, in zona CityLife a Milano. Photo by Giulia Bombelli

Abbiamo bisogno del caos, del disordine, dell’entropia. Abbiamo bisogno dell’arte e di un linguaggio affettivo che ci permetta di abbandonare gli schemi di un raggelato bon ton social. E questo ciò che accade durante le visite nei musei promosse da ArtUp, un’associazione formata da storici dell’arte, psicanalisti e facilitatori, che si occupa di inclusione sociale.

Scambio affettivo
Il corso “Affetti-Effetti dell’Arte” alle Gallerie d’Italia di Milano nel 2022. Photo by Giulia Bombelli

L’iniziativa nasce nel contesto di progetti d’integrazione lavorativa dei dipartimenti milanesi di salute mentale, così da fornire alle persone attraversate da disagio psichico la possibilità di condurre in qualità di guida una visita museale.

photo by Giulia Bombelli

Straordinaria, perché nel corso “Affetti-Effetti dell’arte” si impara a valorizzare gli aspetti emotivi ed emozionali dell’opera, per poi metterli a disposizione del pubblico. E se il museo, secondo l’Oms, è luogo di benessere mentale, l’arte offre un’esperienza di crescita nella complessità.

Alle Gallerie d’Italia
La collezione Agrati con le opere di Dan Flavin (1933–1996).

Tra facilitatori e pubblico si crea un dialogo attivo, un gioco intelligente e formativo: «Hai paura della follia? Noi parliamo d’arte», si legge sul sito di ArtUp, che scardina pregiudizi e timori in favore di una visione del mondo fuori dagli schemi.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter