Chi parla maleIl terremoto di Napoli e quello dello spread: la prima pagina del Sole 24 Ore

  La prima è la pagina del Sole 24 Ore di oggi, giovedì 10 novembre. La seconda è invece la pagina del Mattino di Napoli di un altro novembre, quello del 1980, pochi giorni dopo il terribile sism...

La prima è la pagina del Sole 24 Ore di oggi, giovedì 10 novembre. La seconda è invece la pagina del Mattino di Napoli di un altro novembre, quello del 1980, pochi giorni dopo il terribile sisma che il 23 di quel mese distrusse mezzo Sud Italia, in particolare l’Irpinia.

Insomma, il terremoto economico italiano dal quotidiano di Confindustria è paragonato a quello che uccise migliaia di persone trentun’anni or sono. In questa scelta così pesante non si può non vedere la mano dell’attuale direttore del Sole, Roberto Napoletano. Napoletano di cognome e di formazione professionale, avendo egli iniziato negli anni Ottanta la sua carriera proprio all’ombra del Vesuvio.

Quella prima pagina del Mattino divenne poi un’opera d’arte: la mano di Andy Warhol la trasformò in una celebre serigrafia. Chissà se la tragedia economica e politica di questi giorni avrà analoga sorte.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta