Chi parla maleLe elezioni non so, ma la campagna elettorale c’è

   Botero: Ci siamo appena conosciuti... e già si parte! Bisogna essere pronti. Ci sono le elezioni anticipate! Luciano: Le elezioni? E non è mica caduto il Governo... Botero: No, non è caduto il ...

Botero: Ci siamo appena conosciuti… e già si parte! Bisogna essere pronti. Ci sono le elezioni anticipate!
Luciano: Le elezioni? E non è mica caduto il Governo…
Botero: No, non è caduto il Governo.

Il Portaborse

La campagna elettorale è una corazzata. E va messa in moto nei tempi dovuti. Dunque non mi ha stupito, stamattina, aver ricevuto una telefonata di una “società di servizi” che già mi offriva le meglio affissioni in città e sugli autobus, le vele (quegli orribili camion con rimorchio per i manifesti 6×3). Ho spiegato che di campagna elettorale mi sono occupato una sola volta e non proprio di quest’aspetto.

Però il dato è indicativo. Per quel che so da Napoli, periferia dell’impero, sono già iniziati i vertici anche nei grandi network radiotelevisivi italiani. Come trattare? Che fare? Perché poi alla fine, tolti i grandi maître à penser del libero giornalismo italiano, l’informazione è fatta di televisioni regionali, di spot, di spazi autogestiti, di servizi più o meno…servizievoli.

Insomma, la campagna elettorale per le Politiche è iniziata. Poco importa se saranno le Politiche 2011 o 2012. Gli attuali deputati e senatori stanno capendo che aria tira e come farsi riconfermare. In seconda linea ci sono tutta una serie di nuovi e nuovissimi o vecchi e vecchissimi nomi che aspirano al primo ingresso o al rientro a Montecitorio o a Palazzo Madama. Per approdare a Roma servono soldi. E dunque è ufficialmente aperta la caccia grossa. Alla faccia dello spread.