Fortezza BastianiAfghanistan: il Lince si ribalta nel fiume, muoiono tre militari italiani. Salvo il quarto occupante

Questa mattina in Afghanistan, a circa 20 Km a sud-ovest di Shindand, nell'area del Regional Command West, di competenza delle truppe italiane,  un VTLM Lince del contingente italiano è rimasto coi...

Questa mattina in Afghanistan, a circa 20 Km a sud-ovest di Shindand, nell’area del Regional Command West, di competenza delle truppe italiane, un VTLM Lince del contingente italiano è rimasto coinvolto in un incidente in cui tre militari hanno perso la vita.

Il mezzo, appartenente alla Task Force Center con base a Shindand, era impegnato in un’attività tesa a recuperare un’unità bloccata dalle condizioni meteo particolarmente avverse, quando, nell’attraversare un corso d’acqua, si è ribaltato, intrappolando al suo interno tre dei quattro militari dell’equipaggio, che sono successivamente deceduti.

I militari deceduti questa mattina sono il caporal maggiore capo Francesco Currò, nato il 27 febbraio 1979 a Messina, il 1° caporal maggiore Francesco Paolo Messineo, nato il 23 maggio 1983 a Palermo, e il 1° caporal maggiore Luca Valente, nato l’8 gennaio 1984 a Gagliano del Capo (LE). I protagonisti dell’incidente sono in forza al 66° Reggimento Aeromobile “Trieste” di Forlì. Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Biagio Abrate, a nome delle Forze Armate e suo personale, esprime ai familiari il profondo cordoglio per la morte dei propri cari. Il generale Abrate ha inoltre manifestato al Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, il generale di corpo d’armata Claudio Graziano, il proprio dolore e il sentimento di vicinanza alla Forza Armata per il lutto che l’ha colpita.

A seguito dell’incidente di stamani si sono rese necessarie cure mediche per il quarto militare a bordo del VTLM Lince. Il militare, ricoverato presso l’Ospedale Militare (ROLE2) di Shindand per ipotermia, è cosciente e non è in pericolo di vita. È stato lui stesso a rassicurare i familiari sulle proprie condizioni di salute. Lo riferiscono fonti dello Stato Maggiore italiano.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta