Fuoriserie“E non portare a casa ragazze minorenni, Berlusconi”: in New Girl lo sfottò a Silvio

Non sarà più il presidente del Consiglio, ma Silvio Berlusconi è ancora l'uomo di punta dello sfottò americano. Dopo Happy Endings (ve lo ricordate?), un'altra serie TV made in USA prende di mira l...

Non sarà più il presidente del Consiglio, ma Silvio Berlusconi è ancora l’uomo di punta dello sfottò americano. Dopo Happy Endings (ve lo ricordate?), un’altra serie TV made in USA prende di mira l’ex premier italiano e la sua passione per le donne (quelle giovani). Si tratta di New Girl, la serie che vede la bella, dolce e imbranata Zooey Deschanel nei panni di Jess, unica inquilina donna in un appartamento di soli uomini. Nell’ultima puntata andata in onda negli States martedì scorso – la numero 21 della prima stagione – Jess si rivolge a Nick e Schmidt chiedendo loro di comportarsi bene, poi guarda Nick e minaccia: “non portare a casa ragazze minorenni, Berlusconi“.

Non trovando il video online da caricare, riporto la conversazione, tradotta in italiano dai ragazzi di Itasa:

42
00:01:56,267 –> 00:01:58,486
niente parolacce con la C o con la P.

43
00:01:58,516 –> 00:02:01,267
Anzi, niente parolacce tra la B e la S,
nessuna parolaccia in assoluto.

44
00:02:01,277 –> 00:02:04,081
E non portare a casa ragazze
minorenni, Berlusconi
.

Eccolo lì, il signor B. ancora una volta protagonista non tanto per la sua vita politica, quanto per i suoi scandali che hanno fatto il giro del mondo. New Girl è la terza serie statunitense che ironizza sulla politica italiana: prima era stato il turno di 30Rock con le battute sulle donne veline nella politica nostrana, poi di Happy Endings.

Una cosa è certa le macchie nere delle nostre decisioni politiche ce le continuiamo a portare appresso, anche se ai piani alti c’è stato il passaggio di testimone. Ho concluso in questo modo anche lo scorso post, perdonate la ripetizione, ma ci calza a pennello: chi semina, raccoglie. Ahinoi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta