Il BureauÈ morta. State un po’ zitti

A Brindisi scoppia una bomba, fuori dalla sua scuola una ragazza muore. Sperare che non venisse seppellita istantaneamente sotto valanghe di retorica, congetture ed elucubrazioni era chiedere tropp...

A Brindisi scoppia una bomba, fuori dalla sua scuola una ragazza muore. Sperare che non venisse seppellita istantaneamente sotto valanghe di retorica, congetture ed elucubrazioni era chiedere troppo. L’isterismo scomposto col quale questo paese reagisce al dolore e alla morte – quando vengono alla ribalta da accadimenti di dominio pubblico – è indegno di qualunque popolo si ritenga civilmente maturo. Non l’avevano ancora sollevata da terra, Melissa Bassi, che è iniziata prepotente la sagra della ciancia.

Mandanti occulti, servizi deviati, strategia della tensione, nuovo periodo stragista, matrice mafiosa, il mandante è lo Stato, è colpa del governo Monti, sono stati i terroristi, era nell’aria. Al paventato “complotto islamico” perfino il mio cinismo s’è arreso, ed eccomi qui. Non lo capisco, non lo capirò mai, questo insopprimibile bisogno – italiano tanto quanto la pasta e la pizza – di starnazzare qualunque insignificante pensierino come fosse per l’opinione pubblica acqua fresca nel deserto. Quel che lascia sbigottiti e attoniti è la velocità del processo di “cialtronizzazione” di ogni avvenimento tragico e luttuoso.

È così che una ragazzina e la sua morte, in poche ore, lasciano spazio al teatrino della dichiarazione, al bar del complotto, al salotto dell’insinuazione. Si è sempre riso ingenuamente degli italiani che durante i mondiali diventano 60 milioni di allenatori. Bisognava piangere, ma ormai è fin troppo tardi. Italiani allenatori, italiani esperti di energia nucleare e – perché no! – italiani investigatori lampo. Attorno a topos ormai classici (diffidenza atavica verso lo Stato, accuse di complicità ai servizi, tediosa lagnanza sui mandanti che resteranno oscuri “perché tanto io lo so come va a finire”) ha volteggiato la solita tiritera. In questo dissennato tritacarne uterino-mediatico il silenzio resta un lontano miraggio.

Il popolo vuole straparlare, urlare, manifestare, esaltare il meteorismo cerebrale, ammorbare l’aria con slogan cretini, conformisti e privi di significato. Per questa volta lascio il cinismo altrove. Al pensiero di Melissa Bassi e del suo corpo sventrato chiunque non sia ammutolito di fronte alla vertigine nera della morte resta, ai miei occhi, un indecifrabile alieno morale.

Roberto Morelli

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta