Ho qualcosa da dire…Facce da Milano – Roma…

Una volta al mese per lavoro vado a Roma... andata Linate ore 8.00 ritorno Fiumicino ore 18.00. Si, lo so..alcuni di voi diranno che e’ piu’ comodo il treno: si lavora, non ti devi spogliare ai con...

Una volta al mese per lavoro vado a Roma… andata Linate ore 8.00 ritorno Fiumicino ore 18.00.

Si, lo so..alcuni di voi diranno che e’ piu’ comodo il treno: si lavora, non ti devi spogliare ai controlli di sicurezza ( “tacchi alti”, cinture, orologi, giacca, sciarpa…) arrivi in centro citta’… il punto e’ che non andando in centro citta’ ma all’Eur l’aereo e’ ancora per me imbattibile e poi mi dico sempre: ma sono per forza obbligata a lavorare anche nei trasferimenti? potro’ rilassarmi 55 minuti in aereo? NO, tutte le volte che dico vado in aereo..critiche su critiche…… lascio agli altri produrre piu’ di me! Ogni tratta mi soffermo ad osservare la popolazione di questi velivoli: prevalentemente “ manager” super tirati,bei vestiti fumo di Londra, gessatini , belle cravatte, scarpe lucide, uomini politici, spesso e volentieri per la felicita’ dei miei colleghi maschietti, veline,letterine e subrettine varie ..Ma il vero top e’ avere la carta d’imbarco rossa..quella che fai nella saletta freccia alata, la esibiscono come un trofeo, sembrano dire “ sai, sono sempre in aereo” .. !! se non ce l’hai, non sei nessuno!!….( io frego tutti e me la faccio da casa la sera prima..un bel foglio A4 e riesco a scegliermi i posti migliori)!.Perche’ anche li’ c’e’ la guerra….se sei nelle prime 3 file conti qualcosa, altrimenti, nada, dietro, come tutti gli altri!…

E la cosa piu’ ovvia, la vera banalita’ che sto per dire e’ che…hanno tutti almeno tre, quattro pezzi di “ tecnologia”: I phone, I Pad, blackberry, pc portatile e i piu’ Kindle e I pod… praticamente sono peggio di una stanza di comando della NASA…potrebbero decidere le sorti del mondo in 5 minuti! No, non voglio contestare la tecnologia, per carita’… e’ fondamentale, la uso, anzi ne abuso, ma bisognerebbe “ usarla con cautela”..La parte piu’ bella e’ quando la povera hostess, di fila in fila, deve redarguire tutti questi elegantissimi signori comportarsi come bambini: “ deve spegnere per favore..”… “si mi scusi solo un’ultima mail”…come se senza quella non potesse vivere!!..E all’arrivo? gia’ in fase d’atterraggio pur non essendo consentito, si sentono ogni genere di “ din din” “trill” tutti gia’ pronti a ripartire, tra telefonate e mail….Pensare che se prendessi il treno, passerei 3 ore cosi’! No, grazie…preferisco 55 minuti di pace!

Io come sono?? DRAMMATICAMENTE uguale a loro! ..con una piccola scusante: la prima telefonata su ogni atterraggio e’ per il mio piccoletto perche’ ogni volta che viaggio grazie ai nonni posso stare tranquilla, ma da mamma chioccia voglio sempre sapere se tutto e’ ok, se e’ all’asilo, se ha mangiato, se sta bene….sono scusata?????

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta