Fortezza BastianiLibano: la missione Unifil sotto il segno dell’Ariete

Oltre 4mila passeggeri trasportati, 50mila chilometri percorsi in tutto il Libano, 500 tonnellate di materiali movimentati e numerosi progetti di cooperazione civile-militare condotti. Ecco il bila...

Oltre 4mila passeggeri trasportati, 50mila chilometri percorsi in tutto il Libano, 500 tonnellate di materiali movimentati e numerosi progetti di cooperazione civile-militare condotti. Ecco il bilancio delle attività svolte in sei mesi di missione dal I Reggimento di Manovra, che oggi lascia al Battaglione logistico “Ariete” la responsabilità del supporto logistico della missione “Leonte”, cui i nostri militari partecipano sotto l’egida delle Nazioni Unite.

Il colonnello Giuseppe Bosco, alla presenza delle autorità civili e militari libanesi e davanti ai rappresentanti delle nazioni che partecipano alla missione Unifil, ha ceduto il comando del Combat Service Support Battalion al tenente colonnello Alessandro Lorenzetti.

Il passaggio di consegne è stato salutato dal Comandante del Sector West, il generale Gaetano Zauner, che in un breve intervento ha sottolineato l’importanza della logistica nelle operazioni militari, soprattutto se condotte lontano dalla patria.

Per la bandiera di guerra del battaglione Ariete si tratta della terza partecipazione alla missione Unifil, al quale vanno aggiunte le passate operazioni condotte in Somalia, Bosnia, Kosovo, Iraq, Afghanistan e numerosissimi interventi sui confini nazionali a favore della popolazione civile, a seguito di disastri naturali quali terremoti ed alluvioni.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter