Discount or DieVIVICOT: gli assorbenti low-cost, lo sguardo di Satana e Britney Spears.

 Cosa: assorbenti interni Nome: Vivicot Dove: Penny Market Costo: 2,10 € Giudizio: 4/5 Qui si parla di mestruazioni, di assorbenti interni, di cessi dei bar e di ubriachezza molesta. Sappiatelo. ...

Cosa: assorbenti interni

Nome: Vivicot

Dove: Penny Market

Costo: 2,10 €

Giudizio: 4/5

Qui si parla di mestruazioni, di assorbenti interni, di cessi dei bar e di ubriachezza molesta. Sappiatelo. Ci sono diversi tipi di donna.

LE MADONNE GORE

Quelle che scrivono poesie e che pensano che le mestruazioni siano una forma di martirio riservato agli esseri eccelsi che sono, in quanto in grado di creare una vita nel proprio ventre. Fanno fatica a prendere antidolorifici perché alla fine vogliono viversi il dolore, l’onere e l’onore del ciclo mestruale e non senza un certo masochismo piacione, preferiscono l’assorbente esterno che mostra in tutto e per tutto il tripudio di sangue. A loro dedico questo, e cioè la moratoria fotografica di Vice, con una sola frase… AVETE ROTTO!!!

Come dicevano le ragazzette cattive (moriranno tutte) in Carrie lo sguardo di Satana: “TAMPONATI! TAMPONATI! TAMPONATI!” e prenditi sto cavolo di Aulin!

 https://www.youtube.com/embed/mkF7H-5o-LA/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Tra le foto di cui sopra, ne noterete una in particolare e cioè quella della ragazza coi collant bianchi, ubriaca che mostra fiera una notevole macchia di sangue in mezzo alle gambe.

Ecco, lei fa parte di quel genere di ragazze che più apprezzo: LE SFASCIONE.

Adoro le sfascione. La mia sfasciona preferita è Britney Spears.

Le sfascione sono quelle donne che quando hanno le mestruazioni, s’imbottiscono di antidolorifici, s’infilano un assorbente interno e vanno a sfasciarsi di alcol per poi dimenticarsi persino di essere donne e di essere mestruate. O nel migliore di casi, si ritroveranno in un cesso lurido a cercare di sfilarsi l’assorbente vecchio ed infilarsene uno nuovo. Cosa non agevolata dal fatto che generalmente le porte dei bagni sono rotte o mancanti (o forse la situazione delle toilettes è tale, solo nei posti in cui vado io… vabbé).

Ciclo + antidolorifici + alcol = SFASCIO SUPREMO.

Ma è di low-cost che dobbiamo parlare. Fino ad oggi, se tu donna mestrauta* volevi risparmiare, dovevi accontentarti degli schifo di assorbenti esterni del discout, famosi per la loro non-forma di ciabatta, coi loro non-adesivi, con la loro non-traspirazione, con la loro non-assorbenza che rendeva il tutto uno schifo inaudibile. E poi che diamine… gli assorbenti esterni fanno schifo. Chi vuole sedersi per ore sopra il proprio sangue???

Poi piano piano, in qualche pionieristico discount, sono sbucati timidi gli assorbenti interni di marca (tipo i Tampax a circa 5 euro x 24 tamponi+applicatore -sia lode all’applicatore). E poi, un bel giorno, eccoli! Gli assorbenti interni VIVICOT (Penny Market) a 2,10€ per 20 tamponi.

Usare assorbenti interni dei disocunt?!?!?

Sì, sono una donna con un sacco di coraggio. Però c’è una cosa che mi ha aiutato… Gli assorbenti interni VIVICOT sono di puro cotone al 100%, ipoallergenici, senza profumi e lo sbiancamento avviene senza cloro!

Sono amici delle mucose sensibili e delle donne sensibili che non vogliono inquinare e nuocere al pianeta Terra…(e diciamolo a gran voce che si fotta la MOONCUP!)

L’unico difetto dei VIVICOT è che non hanno l’applicatore e fin quando sei a casetta tua o in ufficio, ancora ancora, ma se sei una SFASCIONA come la mia amica Britney Spears e sei in giro ubriaca, infilarsi le prime due falangi dell’indice lì (proprio lì) per spingere all’interno l’assorbente, diventa problematico oltre che poco igienico!

Insomma, gli assorbenti interni VIVICOT costano quasi la metà di quelli di marca e sono pure eco-friendly.

Comprendo che:

a) non avere l’applicatore;

b) essere low-cost.

Possa spaventare i più, ma dopotutto credo sia giusto, almeno una volta nella vita, osare e fare una di quelle scelte drastiche e coraggiose come raparsi a zero, sbroccare e farsi fotografare coi leggins bianchi sozzi di sangue mestruale.

Male che vada si può sempre giustificare tutto dicendo: “…è colpa degli ormoni!”.

* …e tu, compagno di una donna mestruata, non dire mai “donna mestruata”, perché come in quella leggenda che se dici il Padre Nostro al contrario allo specchio, durante una notte di luna piena, vedi Lucifero (e la gente muore d’infarto perché Lucifero essendo un angelo caduto, è tanto bello da schiantare il cuore…), se dici “donna mestruata” ad una “donna mestruata”, MUORI!

Discount Or Die

Per un’apporfondita analisi circa la genesi, l’evoluzione e lo sfascio di Britney Spears, consiglio la lattura di The Disney Channel: un orribile disegno.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta